Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Esperienze di teatro e terapia in Italia dal 1990 al 2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 Sul versante terapeutico ed educativo, le influenze più profonde per la nascita della drammaterapia sono rilevabili nelle teorie e nel lavoro di Peter Slade 20 , e dell’educatrice Dorothy Heatcote. Entrambi, lavorando con i bambini, incoraggiarono gli stessi a esprimersi attraverso tecniche non-verbali ed immaginative, volte a uno sviluppo sano e controllato della creatività. L’operato di Heatcote si distingue in modo particolare per lo sviluppo della disciplina, in quanto l’approccio dell’educatrice al gruppo di lavoro valorizzava appieno l’apporto dato dai componenti stessi, a scapito della presunta superiorità dell’educatore nei loro confronti. La fondamentale innovazione di Heatcote fu di introdurre l’educatore stesso all’interno del dramma, facendogli assumere un ruolo invece di dirigere scene e attori a distanza. Questi innovativi approcci all’arte drammatica e all’educazione influenzarono Sue Jennings che aveva iniziato la sua carriera come attrice e, negli anni, aveva però sviluppato, per interesse ed esperienza personale, l’intuizione che il teatro contenesse al suo interno proprietà terapeutiche 21 . Nel 1962 Jennings, assieme a Gordon Wiseman, quest’ultimo pioniere dell’introduzione del teatro nell’educazione e nelle scuole in quegli anni, fondò a Londra il Remedial Drama Group, il primo centro specializzato nel training e nella pratica del processo teatrale sviluppato in senso creativo ed espressivo. Gli utenti interessati all’innovativo approccio sono “adulti e bambini con bisogni speciali” (MELDRUM 1994, p. 13). Il gruppo organizza tournee in Germania, Belgio e Olanda per mostrare pratica e teoria del processo fino alla fine degli anni Sessanta. Dopo la nascita del Remedial Drama Centre, attivo dal 1967 al 1971, il centro si sceglie il nome di ‘Dramatherapy Centre’ nel 1970, e dal 1972 organizza ufficialmente training e gruppi di lavoro con adulti e bambini. Oltre alla costituzione del Remedial Drama Group, del centro omonimo e infine del Dramatherapy Centre, Sue Jennings è impegnata nello sviluppo di numerosi progetti, tra cui l’avvio di un corso di drammaterapia presso il St. Albans College of Arts and Design (Università di Hertfordshire) e la pubblicazione del libro Remedial Drama nel 1973. Nel 1964 Marian Billy Lindqvist, in precedenza membro della Religious Drama Society, fonda a Londra l’associazione Sesame. Le prime esperienze di tipo formativo da lei organizzate prevedevano attività all’interno d’ospedali e centri di cura, brevi corsi (per lo più intensivi) di drammaterapia o più strettamente collegati al teatro o alla terapia. In seguito, 20 Cfr. nota 123. 21 La stessa Jennings, in un’intervista a Phil Jones (JONES 2000, p. 90) afferma che “in qualche parte di me, c’era la convinzione che nella prima parte della mia carriera teatrale, il processo drammatico fosse stato realmente terapeutico per me. Mi aveva curato da un sacco di traumi infantili”.

Anteprima della Tesi di Manuela Mattei

Anteprima della tesi: Esperienze di teatro e terapia in Italia dal 1990 al 2002, Pagina 17

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Manuela Mattei Contatta »

Composta da 215 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12008 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.