Skip to content

Esperienze di teatro e terapia in Italia dal 1990 al 2002

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 polivalente di cinquemila metri quadrati alla quale possono accedere sino a settecento spettatori. E’ dotata di auditorium, ridotto, aule formative, sale di registrazione, ristorante, pub. Il complesso è stato inoltre individuato dalla Regione Toscana come polo regionale per “la produzione di spettacoli per le nuove generazioni” (D’INCÁ 2002, p. 43). Ne è direttore artistico Alessandro Garzella, affiancato nel suo operato dalla drammaturga Donatella Diamanti e dagli attori Fabrizio Cassanelli e Letizia Pardi. Di seguito esporrò brevemente biografia e percorso artistico che i due conduttori hanno affrontato prima di pervenire, attraverso l’arte teatrale, all’incontro con il disagio. Alessandro Garzella Negli anni Settanta, dopo la formazione al DAMS di Bologna e nell’ambiente universitario e letterario pisano, Garzella fondò (assieme a Roberto Bacci, Ugo Chiti, Dario Marconcini e Marco Mattolini) l’Arteb, un’associazione di gruppi teatrali di base aderenti all’ARCI. In quegli anni il suo interesse era concentrato verso forme di teatro politico e di strada, oltre che il Teatro Circo. Alla fine degli anni Settanta, su sua iniziativa nacque la cooperativa Teatro delle Pulci, dove Garzella si qualificò come autore e regista teatrale rivolto alla ricerca sul teatro popolare. Dal 1987, come direttore della cooperativa Teatro delle Pulci, si trasferì a Cascina dove lo stesso teatro, avendo ottenuto dal Ministero del Turismo e dello Spettacolo il riconoscimento di “Centro Nazionale di Produzione e Promozione del Teatro rivolto alle Nuove Generazioni”, assunse il nome di Sipario Stregato. Qui Garzella diresse il percorso di lavoro che condurrà alla nascita della “Fondazione Sipario Toscana”. Dal 1993 Alessandro Garzella dirige il Politeama Villaggio di Produzione della Cultura Giovanile nell'ambito del quale svolge attività di regia, produzione e formazione. Oltre a competenze teatrali acquisite nel tempo, anche attraverso collaborazioni con Kantor, Scabia, Soleri, Fo, Garzella ha compiuto studi di psicosomatica 6 . Da sempre è stato attratto dall’arte attoriale e dal rapporto con l’attore, a scapito di forme più tradizionali di regia. La storia privata e personale di Garzella lo ha portato, a causa di un handicap fisico che gli preclude la possibilità di calcare le scene, a sviluppare “un’attitudine innata […] a osservare una relazione con l’interiorità dell’attore e con la corporeità” (D’INCÁ 2002, p. 30). La capacità di mettersi in relazione con gli attori si riferisce a una sensibilità corporea intuitiva ed emozionale che lo stesso Garzella sembra aver sostituito a una sensibilità tattile e muscolare preclusa e/o compromessa ai suoi sensi. Tale sensibilità sviluppata nel tempo costituisce nel momento dell’esperienza teatrale di Garzella, un collegamento, “un canale acceso” (ivi) tra il 6 Cfr. JORES 1965. La medicina psicosomatica si propone, nel trattare i disturbi fisiologici, di prendere in considerazione anche dati di natura psicologica, assumendo che i due sistemi (somatico e psichico) facciano parte di un’unica unità vitale. Arthur Jores, medico studioso di psicosomatica, sintetizza: “Io non posso sapere quale sia la realtà delle cose che stanno al di fuori della mia coscienza. L’unica cosa che io veramente sono in grado di comprendere, sono i rapporti degli oggetti tra loro. […] non appena si partirà dal presupposto che l’unica realtà conoscibile sono le relazioni delle cose tra di loro, e che inoltre l’esistenza del mondo è un evento unico e unitario, si potrà intendere il rapporto tra le cosiddette realtà, somatica e psichica, come una semplice modalità differenziatrice di determinati sistemi interrelazionali” (JORES 1965, p. 6).
Anteprima della tesi: Esperienze di teatro e terapia in Italia dal 1990 al 2002, Pagina 9

Preview dalla tesi:

Esperienze di teatro e terapia in Italia dal 1990 al 2002

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Manuela Mattei
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Maria Ines Aliverti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 215

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi