Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un giornale per emigranti: ''La Voce di Fossacesia''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

funzione che esso svolge: per la prima volta un mass media tenta di collegare, tramite un ideale raccordo comunicativo, un utopistico, per allora, legame artificiale tra loro i " due Abruzzi ", la regione geograficamente e politicamente circoscritta e i moderni insediamenti urbani formatisi oltre i confini nazionali, nell'ultimo secolo, soprattutto oltre oceano: le cosiddette little italies; comunità atipiche che continuamente hanno bisogno del ricordo, della testimonianza e dell'interesse dei loro corregionali rimasti in patria, ma soprattutto di corrispondere in modo continuativo con il paese natio. Per poter meglio capire e analizzare questo giornale - ponte dobbiamo inquadrare e incanalare il campo di indagine in due grandi filoni di interesse, che poi ci aiuteranno a comprendere nel migliore dei modi questo nascente tipo di giornalismo: il sorgere di una avanzata editoria abruzzese e l'annosa problematica realtà dell'emigrazione transnazionale. Nel primo capitolo, infatti, ci occuperemo di definire la realtà da analizzare, partendo dalla vasta editoria che è nata e si è sviluppata nel corso del XIX e del XX secolo nella nostra regione, la quale, attraverso esperienze diverse e più o meno fortunate, ha toccato tutti i campi della sfera pubblica, dalla cronaca nera alle vicende politiche, dal costume agli aspetti culturali della società. Parleremo di tutte quelle pubblicazioni che, in un modo o nell'altro, hanno cercato di divulgare e comunicare la ricchezza delle comunità regionali, ormai già delineate e stabilizzate, e la cultura popolare abruzzese, all'interno dei propri confini. Passeremo in rassegna, quindi, la varietà dei tentativi raccolti attraverso copie originali delle testate e documenti significativi di questo inaspettato fermento comunicativo. In secondo luogo mostreremo i primi timidi esempi di editoria per emigranti, per mezzo di giornali che tuttavia continuano ad esistere a tutt'oggi, ma che hanno avuto una sfera di influenza e d'interesse molto contenuta e non hanno saputo ottimizzare tutte le risorse umane a disposizione che avrebbero arricchito il ricambio delle idee e la persistenza dei prodotti editoriali sul territorio. Invece, nel secondo capitolo, analizzeremo, attraverso alcune ricerche, studi raccolti e dati statistici, nazionali e regionali, la problematica dell'emigrazione in tutti i suoi aspetti. Cercheremo di capire quali possano essere state le cause e le conseguenze, le motivazioni e le aspettative che hanno spinto abitanti di zone relativamente ricche a cercare fortuna altrove, restringendo il cuore dell'inchiesta progressivamente dalla situazione nazionale a quella

Anteprima della Tesi di Attilio Aristone

Anteprima della tesi: Un giornale per emigranti: ''La Voce di Fossacesia'', Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Attilio Aristone Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2833 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.