Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno del dropout dai trattamenti nei disturbi del comportamento alimentare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Quindi molto si è scritto e molto ancora si scrive in letteratura sul trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare, ma numerose questioni rimangono aperte. In particolare un ambito di ricerca trascurato dai ricercatori sino ad alcuni anni fa ed attualmente invece ritenuto di notevole importanza, è lo studio della compliance ai trattamenti. Il problema della mancata aderenza ai trattamenti prescritti o preposti dal medico è infatti di grande attualità e non solo in Psichiatria: secondo recenti statistiche quasi il 50 % dei pazienti non segue per nulla oppure segue scorrettamente le indicazioni terapeutiche; le ricadute sia sulla salute che sulla finanza pubblica appaiono così essere molti gravi, rendendo difficile un corretto impiego delle risorse nella prevenzione sia primaria che secondaria. In Psichiatria tale problema è accentuato dalle caratteristiche di egosintonia di molti disturbi psichici: i DCA rappresentano anche in quest’ambito una “patologia emblematica e di confine” (Fassino, 2002). Molte di queste pazienti o sono spinte al trattamento da parenti o amici, oppure cercano autonomamente le cure solo dopo anni di malattia, e molto spesso con solo parziale motivazione e scarso insight; questo perché i sintomi alimentari e gli effetti sul corpo e sulle emozioni hanno una profonda radice autoprotettiva (Fassino, 2002). Così questi sintomi tendono ad automantenersi ed autorafforzarsi e non infrequentemente divengono intrattabili, cronici ed inaccessibili al trattamento (Kaplan e Garfinkel, 1999). Le peculiari caratteristiche di questi disturbi e la frequente comorbilità in Asse II rendono inoltre molto difficile la costruzione di un’alleanza terapeutica stabile e duratura; pazienti affetti da DCA evocano talora intensi sentimenti di rabbia, ostilità, disperazione e stress nel terapeuta. Le cause sottostanti a queste reazioni controtransferali sono ancora poco esplorate: per questo è di grande interesse lo studio psicopatologico della personalità e

Anteprima della Tesi di Andrea Pierò

Anteprima della tesi: Il fenomeno del dropout dai trattamenti nei disturbi del comportamento alimentare, Pagina 5

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Andrea Pierò Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7170 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.