Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il reg. EU 1400/2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il regolamento UE 1400/2002 10 2. Canali distributivi 2.1 L’anomalia della distribuzione nel settore auto I canali distributivi del prodotto auto coinvolgono diversi operatori professionali: la diversa combinazione di questi attori da luogo alle varianti che si riscontrano nei sistemi distributivi realizzati dalle Case costruttrici. A tutti gli effetti la distribuzione auto si avvale di una combinazione dei canali conosciuti negli altri settori, a testimonianza delle differenti esigenze costrette a convivere: Volpato 1 classifica i canali distributivi a seconda della lunghezza come diretti o indiretti, e, in questo secondo caso, prevede una ulteriore ripartizione tra canale lungo e canale breve. Nel canale diretto è la stessa azienda produttrice che si occupa, direttamente, della distribuzione. Questa scelta è adatta nel caso in cui si debba rispondere ad una domanda fatta di pochi ordini consistenti, a forte valore unitario, permettendo di ridurre in questo modo i costi sostenuti per la realizzazione di questo tipo di distribuzione e garantendo allo stesso tempo l’assortimento completo o addirittura la personalizzazione del prodotto. Nel caso della distribuzione automobilistica ci troviamo raramente di fronte ad una domanda consistente in un ordinativo di più veicoli allo stesso tempo. Troviamo in effetti casi di distribuzione diretta solo nel caso dei contratti siglati tra costruttore e buyers di società di noleggio o fleet manager 2 . Molto più frequentemente la distribuzione viene strutturata utilizzando uno schema misto che prevede canali indiretti lunghi (dealers, sub-dealers) accanto a canali indiretti corti (dealers). A monte della catena troviamo sempre o la Casa costruttrice o una sua sussidiaria, ovvero un importatore autonomo. Storicamente gli importatori vengono utilizzati all’inizio della penetrazione di un mercato, poiché la Casa non conoscendo il terreno su cui si sta avventurando e prevedendo volumi di vendita inizialmente limitati preferisce avvalersi della competenza di un operatore già affermato pur rinunciando in termini di redditività e soprattutto ad un controllo diretto della distribuzione 3 . 1 Volpato, G., La Gestione d’Impresa, cap 12-13, Cedam, 2000 2 In questi casi le vendite avvengono in modo “assistito”: la rappresentanza nazionale della Casa sottoscrive il contratto con le condizioni speciali e la rete si fa carico della distribuzione e dell’assistenza alle condizioni imposte dal contratto. In paesi come l’Inghilterra dove è fortemente diffusa l’abitudine di concedere auto aziendali ai dipendenti il volume di vendite realizzato con queste modalità”speciali” può raggiungere anche il 60%. 3 Attualmente vengono distribuiti con importatore (esclusivo per l’Italia) marchi di nicchia con bassissimi volumi di vendita (Morgan, TWR) o alcune versioni speciali realizzate da aziende tedesche autonome specializzate nella realizzazioni di versioni sportive di vetture a diffusione di massa (ABT, AC Schnitzer).

Anteprima della Tesi di Lucio Tropea

Anteprima della tesi: Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il reg. EU 1400/2002, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Lucio Tropea Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3726 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.