Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il reg. EU 1400/2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il regolamento UE 1400/2002 12 Il quadro normativo esistente fino all’ottobre del 2002 ha portato ad un sistema che si fonda allo stesso tempo sull’esclusività e sulla selettività nei criteri scelti dalle Case per l’ammissione alla rete di distribuzione e assistenza: i produttori concedono la distribuzione del prodotto solamente ad alcuni dealers selezionati secondo delle linee guida stabilite nell’ambito della propria politica commerciale o si avvalgono di un distributore che normalmente realizza uno schema distributivo simile. In tutti e due i casi gli aderenti vengono sottoposti ad una serie stringente di vincoli riguardanti gli investimenti in infrastrutture, stock di veicoli nuovi e ricambi, obiettivi di vendita, e sostegno alle politiche commerciali proposte dalle Case. Pur essendo lasciata una sostanziale libertà di azione nella realizzazione di politiche commerciali differenziate e concorrenti, la saturazione del mercato e la sostanziale sovrapponibilità dell’offerta all’interno dello stesso segmento annichilisce ogni sforzo di evoluzione delle reti: l’effetto finale è che i sistemi di distribuzione di tutte le Case sono sostanzialmente uguali nello schema di base. Si tratta del c.d. “cumulative effect” con il quale la Commissione Europea si è trovata presto a fare i conti al momento della redazione del nuovo regolamento 1400/2002. Si ritiene infatti che questo effetto perverso abbia nociuto alla concorrenza contrariamente a quanto desiderato dal reg. 1475/95, poiché ha impedito la realizzazione di schemi di distribuzione strutturalmente differenziati e dunque concorrenziali, riducendo così la competizione ad una limitata concorrenza sui prezzi. Attualmente lo schema distributivo più comune prevede che ogni Casa distribuisca il prodotto Schemi di distribuzione nel settore auto Fonte: European Commission, Report on the evaluation on Regulation (EC) N° 1475/95 on the application of Article 85 co.3 of the Treaty to certain categories of motor vehicles distribution and servicing agreement, 15.11.2002, based on ICDP, Multi-Franchising, Research Paper No 1/98, exhibit 2. Fig. 1.3

Anteprima della Tesi di Lucio Tropea

Anteprima della tesi: Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il reg. EU 1400/2002, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Lucio Tropea Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3728 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.