Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Variabilità e differenziazione genetica nella specie antartica Gomphiocephalus hodgsoni (Hexapoda, Collembola, Hypogastruridae)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 invertebrati e contenuto organico o apporto ornitogenico di carbonio nel terreno (Sinclair, 2001). Tuttavia il fattore limitante principale � la presenza di acqua e, proprio per questo, le comunit� biotiche sono distribuite in maniera molto frammentata con piccole popolazione separate da ampi spazi, anche deglaciati, ma nei quali non si formano le condizioni ideali per lo sviluppo di ecosistemi edafici. Questo porta all'isolamento geografico delle comunit� ed � stato ipotizzato che ci� possa costituire il primo passo per processi di microspeciazione (Fanciulli et al., 2001). Da pi� di 20 milioni di anni l'Antartide � isolata dalle restanti masse continentali, ma molti degli organismi presenti negli ecosistemi terrestri sono probabilmente di recente immigrazione. La maggior parte delle aree deglaciate costiere sono state liberate dai ghiacci "solo" 10-15000 anni fa e forse gli organismi che le colonizzarono ebbero successo per effetto di preadattamenti quali le piccole dimensioni e la predisposizione a resistere a freddo e disseccamento. Le piccole dimensioni dei collemboli e degli acari, ad esempio, possono aver permesso loro di disperdersi pi� facilmente non solo grazie al vento ma anche attaccandosi al corpo di uccelli marini. Nonostante presentino talvolta un buon grado di interazione reciproca, le comunit� biotiche antartiche sono costituite da una elementare complessit� strutturale. Ci� le rende particolarmente adatte per lo studio delle regole base dell'evoluzione che in particolari condizioni, appunto molto simili a quelle in cui si sviluppa il biota antartico, producono effetti sulla variabilit� delle popolazioni a tutti i livelli. In particolare si possono studiare pi� facilmente le conseguenze di eventi naturali come il flusso genico, la deriva genetica, l'isolamento geografico, l'effetto del fondatore (in fenomeni tipo bottleneck) nel prevenire, rallentare o accelerare la differenziazione genetica e, a lungo termine, nel promuovere processi di speciazione.

Anteprima della Tesi di Lorenzo Cateni

Anteprima della tesi: Variabilità e differenziazione genetica nella specie antartica Gomphiocephalus hodgsoni (Hexapoda, Collembola, Hypogastruridae), Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Lorenzo Cateni Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2384 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.