Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'amministrazione della giustizia alla caduta della Repubblica di Venezia. Problematiche in una fase di transizione (1797-1806)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

corti giudiziarie veneziane; l’importante, per i giudici, era ascoltare attentamente gli avvocati, che recitavano a viva voce le loro arringhe, leggevano atti e documenti portati a sussidio delle ragioni dei loro clienti, li commentavano. A conclusione del dibattito i giudici votavano a favore dell’una o dell’altra parte, prima i giovani, poi i vecchi, ad evitare che quest’ultimi potessero influenzare col loro prestigio i più giovani; e qualora fossero incerti sulle ragioni addotte, potevano scegliere il voto cosiddetto non sincero, che esprimeva l’esigenza che le cose fossero chiarite meglio in una ulteriore seduta” 30 . Una procedura maestosa e vivace allo stesso tempo quindi, che nel dibattimento a voce e in un giudizio corale e “puro” 31 trovava i suoi caratteri distintivi, quelli che più a lungo sarebbero stati esaltati con orgoglio dai giuristi veneti. … (omissis) … LA POLITICA GIUDIZIARIA AUSTRIACA Tracciato il profilo di quello che era l’ordinamento giuridico veneziano, occorre vedere a questo punto come si pose l’Austria di fronte al problema di dover organizzare e gestire l’amministrazione della giustizia quando subentrò a capo dei territori della decaduta Repubblica, nella cruciale fase di transizione verso un nuovo ordine statuale. … (omissis) … La Commissione straordinaria al Regolamento Giudiziario, ovvero le resistenze della magistratura veneziana ai tentativi di omologazione 30 La evocativa descrizione del processo civile veneto fatta da Gaetano Cozzi (Fortuna, o sfortuna, ... cit., p. 326) è desumibile da vari passi dei verbali della Commissione al Regolamento Giudiziario che operò a Venezia agli inizi del 1800 e dagli appunti del ministro Jacopo Chiodo, a tale Commissione addetto. A.S.V., Compilazione Leggi, s. II, bb. 54 e 55. 31 Con “purità” del giudizio si intendeva la mancanza di qualsiasi conoscenza degli elementi della causa anteriore al giorno del giudizio, cosa che secondo i giuristi veneziani avrebbe potuto influenzare preliminarmente l’emissione della sentenza. A.S.V., Compilazione Leggi, s. II, b 55, fasc. X° e XII°.

Anteprima della Tesi di Lorena Dei Rossi

Anteprima della tesi: L'amministrazione della giustizia alla caduta della Repubblica di Venezia. Problematiche in una fase di transizione (1797-1806), Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Lorena Dei Rossi Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2999 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.