Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'orecchio del silenzio. Musicoterapia applicata all'educazione dei bambini audiolesi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 Alcuni psicoterapeuti hanno osservato come l�impiego del materiale sonoro musicale abbia consentito un approfondimento e un�esplorazione della relazione terapeuta/paziente, che in assenza di tale uso, non si sarebbe realizzata. Le tecniche psico-musicali possono essere inserite nell�ambito di quegli interventi essenzialmente non verbali che utilizzano mediatori terapeutici allo scopo di favorire ed ampliare le modalit� comunicative ed espressive. Si tratta d�interventi che non hanno solo il fine di facilitare una libera espressione, ma che cercano piuttosto di contenere e di dare un senso, una potenzialit�, una valenza simbolica al mondo intero del paziente. Tali metodiche tentano di costruire una possibile rappresentazione, comunicabile al mondo, di contenuti che spesso per la loro intensit� e concretezza rimangono inesprimibili e cristallizzati su se stessi. Si possono, infine, definire due ambiti d�intervento: • il primo finalizzato all�espressione e alla maturazione del mondo interno del paziente; • il secondo preoccupato di migliorare le potenzialit� del paziente rispetto al mondo reale.

Anteprima della Tesi di Raffaella Salvetti

Anteprima della tesi: L'orecchio del silenzio. Musicoterapia applicata all'educazione dei bambini audiolesi, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Raffaella Salvetti Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18163 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 50 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.