Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione delle aziende: una rassegna dei principali criteri

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. GLI APPROCCI FONDAMENTALI DI VALUTAZIONE DELLE AZIENDE In questo capitolo si propone una panoramica sugli approcci di valutazione delle aziende che riscuotono maggior successo nella “comunità finanziaria internazionale” (Investment and Merchant Banks, analisti e consulenti finanziari, ecc.). Nell�Introduzione si � espressa l�intenzione di privilegiare l�esigenza valutativa degli analisti fondamentali. Pertanto, si dedicher� una maggior attenzione a quegli approcci di valutazione (e relativi metodi di stima) che pi� sono adatti alle esigenze di costoro, il cui scopo principale � l�apprezzamento dei titoli azionari delle societ�. Non va scordato, tuttavia, che questi criteri valgono per gran parte dei problemi valutativi, salvo alcuni aggiustamenti richiesti nelle varie situazioni specifiche. Il capitolo inizia con alcuni concetti preliminari utili per aiutare nella comprensione dei diversi procedimenti che si incontreranno in questo lavoro: la nozione di valore, la differenza tra valore e prezzo e determinate grandezze esprimenti misure di performance dell�azienda (Margine operativo lordo o EBITDA, Risultato operativo o EBIT, Utile ante imposte e Utile netto) 1 . Quindi, si proceder� ad una classificazione dei vari approcci e metodi, trattando subito quelli �storici� (reddituali, patrimoniali e misti) e quelli pi� recenti (Economic Value Added e Teoria delle opzioni), rinviando invece ai due successivi capitoli l�esposizione approfondita dei procedimenti oggi in maggior misura impiegati dagli analisti nella pratica (Discounted Cash Flows e Multipli). 1.1. La nozione di valore 2 L�impiego di criteri valutativi delle aziende implica una definizione preliminare del concetto di valore. Si ricorre, a tal fine, ad una distinzione concettuale ben radicata nella migliore letteratura economico-aziendale dell�Europa continentale. Essa discerne tra: 1 Ebitda: acronimo di Earnings before interest, taxes, depreciation and amortization, espressione anglosassone di Margine operativo lordo (MOL); Ebit: Earnings before interest and taxes, espressione anglosassone di Risultato operativo 2 Fonte: L. Guatri, Trattato sulla valutazione delle aziende, Egea, Milano, 1998.

Anteprima della Tesi di Damiano Santarato

Anteprima della tesi: La valutazione delle aziende: una rassegna dei principali criteri, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Damiano Santarato Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8082 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.