Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal museo al centro di cultura: l'esperienza del Centre de Cultura Contemporània de Barcelona

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 otra, su decisión aparece como la primera declaración explícita del valor de una colección como patrimonio cultural de todos» 6 . Con l'Impero le collezioni seguono l'andamento di una politica sempre più personalistica; di un gusto sempre più sclerotizzatosi sui modelli ellenizzanti; e in seguito restano coinvolte nella decadenza della società romana. Invece, secondo alcuni, «l'interesse del Medio Evo per l'antico fu puramente strumentale, decisamente più utilitario che culturale. La raccolta di reperti del mondo classico non va intesa nella moderna accezione museologica come un insieme di testimonianze cui si attribuiscono valori storici ed estetici, ma rispondeva, piuttosto, ad un fine pratico o politico - ideologico; erano, infatti, utilizzati come fonti di materiali e perciò disinvoltamente riusati e commerciati. Alcuni monumenti antichi venivano quindi conservati ad esaltare il rango di chi li adottava, mentre Carlo Magno, i papi e Federico II conferirono valore ai reperti classici, che raccolsero deliberatamente, poiché sottolineavano ed alimentavano il ruolo di eredi del potere imperiale» 7 . 6 «a Roma, dove si forgiò il valore edonistico ed economico dell'arte, si produsse un principio di importanza trascendentale per la storia del collezionismo e dei musei: dare utilità pubblica alle opere d'arte (...). Questo gesto suppose un fattore di arricchimento culturale, posto che, da una parte avallava il diritto del popolo a partecipare a fenomeni culturali fin allora riservati alla proprietà privata; Dall'altra, la sua decisione appare come la prima dichiarazione esplicita del valore di una collezione quale patrimonio culturale di tutti» in A. LEON, El Museo. Teorìa, praxis y utopìa, Ed. Catedra, Madrid, 1990, p. 19. 7 C. DE BENEDICTIS, Per la Storia del Collezionismo Italiano, Ponte alle Grazie, Firenze, 1991, p. 15

Anteprima della Tesi di Alberto Vincenzo de Rosa

Anteprima della tesi: Dal museo al centro di cultura: l'esperienza del Centre de Cultura Contemporània de Barcelona, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alberto Vincenzo de Rosa Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3313 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.