Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina giuridica dei contratti swaps

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Si può, però, dire che il passaggio da un semplice mercato a termine a fini di copertura, si è passati ad un vero mercato futures quando, superando i perduranti rischi di inadempimento delle controparti, dovuti ad un imperfetto sistema di esecuzione dei contratti e di garanzie 24 , si provvide alla costituzione di una vera e propria Cassa di compensazione e garanzia che si poneva come controparte in tutte le contrattazioni, con tutto vantaggio per la sicurezza di adempimento, l’abbassamento dei costi e la liquidità del mercato. Dopo iniziali pregiudizi, la legittimità dei contratti futures fu ufficialmente sancita con il Grain Futures Act statunitense del 1922 con cui si disponeva che le contrattazioni futures dovevano svolgersi in specifiche borse organizzate e autorizzate dalle autorità federali, sotto il controllo Grain Futures Administration, un organismo appositamente costituito. Il Grain Futures Act fu revisionato il 1936 con il Commodity Exchange Act a sua volta riformulato con il Commodity Futures Trading Commission Act del 1974 che istituì un organismo cui veniva assegnata la supervisione dell’intero mercato, la Commodity Futures Trading Commission 25 . Le merci trattate sono prodotti diversi: prodotti agricoli (grano, caffè, zucchero, cacao, ecc.), metalli (oro, platino, rame, zinco, ecc.), fonti di energia (petrolio e derivati, gas naturale), altri prodotti (succo d’arancia, carne e derivati, legno, compensato, ecc.). Il commodity future, quindi, è uno strumento derivato di tipo future, costituito da un contratto a termine standardizzato, per l’acquisto o la vendita di merci da consegnare in una data futura, ad un prezzo (strike price) e in quantità predefinite dal contratto. I commodity futures sono tuttora ampiamente trattati sui mercati internazionali delle materie prime, tornando specialmente utili a soddisfare esigenze di copertura dal rischio di prezzo. In Italia, dopo la chiusura, nel 1964, di quello funzionante a Milano, presso la borsa merci, non esiste un apposito mercato futures su merci. Con sua circolare del Luglio 1994 la Consob ha ritenuto che le SIM di cui all’art. 2, L. n. 1/1991 non possono effettuare 24 Valle Laura, “Il contratto future”, CEDAM, 1996, p.16, nota 40, per la descrizione della tecnica c.d. della filière e quella della ricerca dei rings. 25 Valle L., “Il contratto future”,cit., p. 17 ss. E, ivi, nota 42.

Anteprima della Tesi di Flavio Rivellini

Anteprima della tesi: La disciplina giuridica dei contratti swaps, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Flavio Rivellini Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5099 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.