Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Essere del linguaggio e scomparsa del soggetto. Il linguaggio letterario in Michel Foucault

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Essere del linguaggio e scomparsa del soggetto 3 parler� ancora nella letteratura del XIX e del XX secolo, e questo non solo per l'orizzonte di follia che apparterr� a scrittori come Nerval, H�lderlin, Artaud, non solo per la follia di Nietzsche, che inaugura "la possibilit� del filosofo pazzo" 1 , ma soprattutto a causa di un linguaggio letterario che racchiude in s� la propria chiave di lettura, in questo funzionando come il delirio; in questo diventando un linguaggio che si autoimplica, come lo � diventata la follia dopo Freud. 2 Questa parentela con la follia apre all'esperienza letteraria la possibilit� di accedere ad uno spazio esteriore rispetto alla continuit� temporale della coscienza, ad uno spazio frammentario in cui l'altro non viene ricondotto al medesimo, ma afferma la propria differenza. Una delle questioni da approfondire, � il modo nel quale questo spazio del "fuori" si costituisce e si offre come nuovo luogo dal quale pensare, e quanto questo concetto debba a Blanchot, a cui Foucault esplicitamente si richiama. Il problema del soggetto del discorso letterario. Problema che viene posto da Foucault a diversi livelli. Al livello dell'enunciato: � il soggetto dell'enunciato lo stesso rispetto al soggetto dell'enunciazione, e che rapporto ha con il soggetto grammaticale? In un testo letterario, � costituito dallo scrittore, dall'io narrante, o dal personaggio dell'opera? Al livello dell'opera: � lo stesso soggetto che parla lungo tutta l'opera di un autore? Chi parla nei riferimenti ad un altro libro: l'autore del primo testo, lo scrittore del secondo, il testo stesso? Al livello pi� generale, quello del discorso e delle sue condizioni di possibilit�, Foucault si chiede se, anche riuscendo ad individuarne il soggetto, sia veramente questo che produce il discorso, o se non sia, al contrario, il discorso che predispone un luogo vuoto nel quale possono prendere posto indifferentemente diversi soggetti parlanti.

Anteprima della Tesi di Leonardo Meo

Anteprima della tesi: Essere del linguaggio e scomparsa del soggetto. Il linguaggio letterario in Michel Foucault, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Magistero

Autore: Leonardo Meo Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5799 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.