Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro sociale di strada tra devianze e forme di controllo: il ruolo dell'educatore

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

XI La professione di educatore, andando incontro a tale principio, � nata come supporto pedagogico alle persone in formazione, ha svolto diversi compiti all�interno delle organizzazioni e si � conquistato via via spazi diversi anche all�esterno delle strutture in cui era inserito. Per stabilire una relazione significativa l�educatore professionale � consapevole che non vi sia la necessit� di elaborare strategie complicate, in quanto basta presentarsi quali interlocutori competenti e disponibili, � necessario stabilire la condivisione di un momento di dialogo, in cui l�operatore si propone, da un lato come sostegno, alla possibilit� di elaborare e ri-significare le esperienze di colui che ha bisogno di aiuto, dall�altro, condivide un sapere scientifico competente che pu� aiutare il soggetto a fare le proprie scelte. La dimensione educativa della prevenzione, cos�, dovrebbe fornire le risorse emotive e cognitive per stimolare la scelta di comportamenti consapevoli e positivi. Al termine della mia esperienza accademica, ci� che rende a mio avviso, �professionale� il mio essere educatrice, � la consapevolezza di doversi impegnare in una relazione educativa, mossa dal dovere di aiutare l�altro a divenire un soggetto autonomo, con facolt� di decidere in merito alle proprie azioni operando scelte che possono nascere sia da un ordine che da un disordine morale, e di esserne responsabile oltre che consapevole. Come sottolinea Vico �l�autentica educazione al non deviare negativamente coincide con l�esercizio della ragione e della volont� (�), in ordine ad atti che gradualmente sollecitino l�individuo a fondare l�autonomia psicologica sulla responsabilit� morale� 1 . Tutto ci� deve accompagnarsi, da parte di coloro che operano nell�area psico- socio-educativa, nell�intenzione e nell�impegno del loro operato verso la persona, credendo nelle sue capacit� di riscatto, contro la cultura dell�indifferenza e la tentazione di rassegnarsi all�immagine del deviante irrecuperabile. 1 Vico G., Educazione e devianza, La Scuola, Brescia, 1988, pp. 138-139

Anteprima della Tesi di Daniela Masucci

Anteprima della tesi: Il lavoro sociale di strada tra devianze e forme di controllo: il ruolo dell'educatore, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Daniela Masucci Contatta »

Composta da 258 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10129 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.