Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arte in Rete: il sito rhizome.org

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

IL PROBLEMA DELLA DEFINIZIONE DEI TERMINI 6 ~ Carolo Alessio ~ At its inception in 1998, the Rhizome ArtBase was conceived as an online archive of net art. In January 2002, Rhizome expanded the scope of the ArtBase to other forms of new media art, such as computer games, software art, and documentation of new media installations and performances 14 . Forme più diverse d’espressione che inglobano in qualche maniera le nuove tecnologie vengono così considerate a tutti gli effetti espressioni di new media art. NET ART La definizione più utilizzata da artisti, storici e critici dell’arte in Rete per indicare le opere progettate esclusivamente per una fruizione on-line è “Net Art”. Si deve però prestare attenzione a non confondere il generico termine “Net Art” con il più specifico “Net.Art”, differente dal primo per un piccolo puntino (dot) che si interpone tra i due vocaboli anglosassoni. L’origine del termine “Net.Art”, documentata da Alexei Shulgin attraverso un testo 15 inviato alla mailing list Nettime il 17 marzo 1997, è oramai leggendaria e ricorda la stessa casualità che portò alla scoperta del termine “Dada”: secondo Shulgin “Net.art” è una sorta di readymade nato casualmente nel dicembre del 1995, quando l’artista sloveno Vuk Cosic, artista Net russo attivo nel campo dell’arte in Rete sin dai primi e tumultuosi anni Novanta, ricevette sul proprio computer un messaggio di posta elettronica incomprensibile per problemi di compatibilità tra software: il risultato era una lunga sequenza di “practically unreadable ascii abracadabra 16 ”, all’interno del quale spuntava però una stringa di caratteri simile alla seguente: [...] J8~g#|\;Net. Art{-^s1 [...]. Le parole “Net.Art” erano l’unica porzione del testo chiaramente leggibile. Cosic, divertito dalla stranezza dell’episodio (“the net itself gave him a name for activity he was involved in!” 17 ), decise di utilizzare quell’espressione per definire la propria produzione artistica on-line. In un primo tempo l’uso della voce “Net.Art” generò parecchia confusione all’interno della mailing list Nettime dove, a partire dal mese di marzo 1997, esplose un vivace dibattito sull’arte in Rete e sui termini più appropriati per definire i progetti di carattere artistico: se di fatto nessun 14 Rhizome ArtBase Management Policy, http://rhizome.org/artbase/policy.htm 15 Alexei Shulgin, nettime: Net.Art – the origin, 17 marzo 1997, testo archiviato in nettime.org 16 Ibidem. 17 Ibidem.

Anteprima della Tesi di Alessio Carolo

Anteprima della tesi: Arte in Rete: il sito rhizome.org, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessio Carolo Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2256 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.