Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arte in Rete: il sito rhizome.org

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

IL PROBLEMA DELLA DEFINIZIONE DEI TERMINI 7 ~ Carolo Alessio ~ artista si appropriò del termine per indicare in maniera esclusiva la propria attività on-line, la comunità dei nettimers si accorse che “Net.Art” veniva quasi unicamente utilizzato per indicare la produzione in Internet di un ristretto gruppo di creativi, particolarmente noti tra i membri della mailing list grazie alla loro partecipazione attiva ai dibattiti critici sui più disparati argomenti concernenti la Rete; il primo a sottolineare tale circostanza fu Andreas Broeckmann, all’interno di una mail inviata a Nettime l’8 marzo 1997, testo che di fatto aprì il dibattito sulla Net.art: A loose group of artists, almost a movement, is currently realising projects under the name Net.Art. They are based in various European countries, tearn up in real and virtual institution like CERN, Netlab, the WWW Art Centre, etc., working locally as well as translocally, sometimes remotely and together on the same project, at other times individually or with local collaborators 18 . A pochi giorni di distanza Josephine Bosma riprese l’argomento, notando come il discorso sull’arte in Rete risultava essere confuso proprio a causa della difficoltà di definire con precisione l’oggetto principale della discussione: “Net.art” come sinonimo di qualsiasi artworks fruibile on-line o termine specifico per indicare la produzione di una ristretta cerchia di artisti? As most of the Nettimers might know there seems to be this group called net.art that operates and organises around the Nettime perifery a lot. […] Somehow the term net.art is connected to this group however and it is confusing, especially in discussions like the one on Nettime recently about art and the Internet 19 . Il messaggio della Bosma si spinse oltre, sino ad accusare il fantomatico “Net.art group” di essersi impadronito di un’etichetta tanto diffusa per trasformarla in un marchio registrato legato ad una sparuta selezione di artisti 20 : How can you call your group by this name? Isn’t it like some group would call itself the paint.art group, or the video.art group? You seem to be claiming this name, as if it were a new brand to merchandise 21 . 18 Andreas Broeckmann, nettime: Net.Art, Machines, and Parasites, 8 marzo 1997, testo archiviato in nettime.org 19 Josephine Bosma, nettime: net.art and art on the net, 16 marzo 1997, testo archiviato in nettime.org 20 È sempre una mail di Josephine Bosma ad identificare i componenti del “net.art group”: Net.art (the loosely formed European group including Alexei Shulgin, Olia Lialina, Rachel Baker, Vuk Cosic, Heath Bunting, jodi -who have always been a category by themselves- and others). Josephine Bosma, excerpt net.art article, 30 luglio 1998, testo archiviato in nettime.org 21 Bosma, nettime: net.art and…, 16 marzo 1997

Anteprima della Tesi di Alessio Carolo

Anteprima della tesi: Arte in Rete: il sito rhizome.org, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessio Carolo Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2256 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.