Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arte in Rete: il sito rhizome.org

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE ~ Carolo Alessio ~ III europei che dominò le discussioni all’interno delle liste di mail al di qua ed al di là dell’oceano Atlantico tra il 1995 ed il 1998). Il primo capitolo introduce il lettore in questo ambito particolare della sperimentazione artistica contemporanea, dove l’opera non è più un oggetto tangibile messo in mostra all’interno di gallerie e musei, ma vive esclusivamente nel cyberspazio di Internet, ammasso di zero ed uno memorizzato nei server sparsi per il mondo e tradotto dal computer in immagini, suoni e testi. Partendo dal problema della definizione dei termini (la lunga discussione svoltasi on ed off-line tra critici d’arte, artisti ed amanti del multimediale) ho presentato i vocaboli più usati per definire le forme d’arte che utilizzano come mezzo di espressione i nuovi mezzi di comunicazione di massa, ed in particolar modo Internet. L’indagine si sofferma in particolare su alcuni vocaboli impiegati per descrivere l’arte in Rete, dal termine oggi più noto, “Net Art”, ai più settoriali “Browser Art” e “Form Art”. Per affrontare la delicata questione, non ancora approfondita da storici dell’arte, ho interrogato direttamente gli archivi elettronici della Rete, setacciando le migliaia di mail registrate nei database di differenti organizzazioni e ricostruendo il percorso che ha portato alla nascita ed alla diffusione di un termine ed alla stroncatura di un altro (è infatti attraverso il vivace dibattito interno alle liste di discussione che si approfondì lo spessore teo rico dell’arte in Rete). Il paragrafo 1.2 presenta alcuni elementi caratteristici della Net Art: l’universo dell’arte in Rete, estremamente vario e ricco di soluzioni anche completamente opposte tra loro, mi ha portato a prediligere alcune peculiarità che ho ritrovato in più opere; l’immaterialità della Net Art ha suggerito uno studio riguardante le nuove modalità di fruizione dell’opera, mentre la possibilità di Internet di entrare nelle case di ogni internauta connesso alla Rete ha reso necessaria un’analisi del nuovo rapporto tra utente, opera ed artista. Presentando sinteticamente alcune peculiarità dell’arte on-line ho citato anche esempi di esperienze artistiche del recente passato, oramai storicizzate nei libri d’arte, particolarmente significative per comprendere i nuovi orizzonti creativi legati al medium Internet. Dall’arte concettuale alla Land Art, dall’happening alla video arte di Nam June Paik e Wolf Vostell, ho avvicinato momenti chiave per la storia dell’arte del secolo scorso sottolineando alcune analogie con i più recenti lavori degli artisti Net, dal rifiuto della tradizionale esposizione nei luoghi sacri dell’arte (gallerie e musei) sino ai problemi di conservazione delle opere, tema particolarmente delicato per l’arte digitale.

Anteprima della Tesi di Alessio Carolo

Anteprima della tesi: Arte in Rete: il sito rhizome.org, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessio Carolo Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2256 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.