Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le risorse umane come elemento critico nei processi di internazionalizzazione delle imprese. Il caso KME - Europa Metalli S.p.A.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

e, comunque, se anche riuscissimo a non giudicare gli stranieri secondo caricature, dovremmo fare i conti col fatto che noi stessi siamo “classificati” attraverso l’etichetta di “italiani”, con tutte le valenze positive e negative ad essa associate. L’importante non è liberarsi degli stereotipi, quindi, ma imparare ad usarli. Anzi, la ricerca ha dimostrato che i più efficienti manager internazionali iniziano effettivamente le loro relazioni interculturali con i colleghi stranieri sulla base di stereotipi, ma, a differenza dei colleghi meno esperti, i loro stereotipi sono contraddistinti dalle seguenti caratteristiche: - sono accurati, ossia riflettono in modo preciso le caratteristiche medie della cultura dei propri colleghi; - sono flessibili, ossia non rifiutano di cambiare se i colleghi stranieri non corrispondono alle loro aspettative stereotipate; - sono progressivamente abbandonati, ossia si diventa capaci di giudicare i propri colleghi stranieri per ciò che sono come individui e non come rappresentanti di una cultura. Secondo alcuni manager internazionali di Europa Metalli 9 , quando si è iniziato a collaborare all’interno dei gruppi di lavoro interculturali di KME, i comportamenti, i modi di rappresentare la realtà, i sistemi di affrontare i problemi si sono subito manifestati diversi in relazione all’eterogeneità culturale dei componenti di tali gruppi. In generale il modo migliore di affrontare queste diversità è stato quello “di non irrigidirsi sulle proprie posizioni” 10 , ovvero essere flessibili; in questi casi si afferma infatti, a ragione, che bisogna “valorizzare le differenze”. Questo vuol dire che, nei gruppi multiculturali dove operano i 9 Il Dott. Romano responsabile del Controllo di gestione di KME e il Dott. Dayala responsabile per la formazione e la selezione delle risorse umane dell’Europa Metalli S.p.A.. 10 Da intervista al Responsabile per il Controllo di gestione del gruppo KME.

Anteprima della Tesi di Salvatore Buccione

Anteprima della tesi: Le risorse umane come elemento critico nei processi di internazionalizzazione delle imprese. Il caso KME - Europa Metalli S.p.A., Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Salvatore Buccione Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7168 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.