Skip to content

Le relazioni pubbliche come funzione di census management: analisi comparativa di quindici esperienze censuarie

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Tommaso Botto – 2003 target d’utilizzatori messaggi di valore riconducibili principalmente al carattere d’utilità (e unicità) dei dati generati dalla rilevazione generale. A tale funzione di marketing, che potremmo definire ontologica, in quanto l’utilizzo dei dati censuari è la ragion d’essere del censimento demografico, si associano varie strategie miranti ad instaurare particolari rapporti di partnership 32 con differenti interlocutori (aziende, associazioni di categoria, partiti politici, sindacati, scuole,..) 33 ; tali “collaborazioni” interorganizzative assolvono lo specifico obiettivo di diffondere il valore del censimento globalmente inteso, tramite differenti tipologie comunicative all’interno degli specifici enti interessati, sostanzialmente riconducibili al generale processo di sensibilizzazione dell’opinione pubblica riguardo all’utilità e necessità della “collaborazione” censuaria. Va da sé che maggiore sarà la diffusione delle informazioni all’interno di diverse categorie di opinion leader, maggiore sarà la loro ridondanza a livello dell’intera collettività, tramite metodologie di diffusione, anche indirette, quali il tam-tam comunicativo all’interno di differenti contesti relazionali (famiglie, scuole, imprese). Vediamo così che il censimento, pur essendo un’operazione competente al settore pubblico e a partecipazione obbligatoria da parte di tutti, può solo che beneficiare di campagne promozionali e pubblicitarie (census advertising 34 ), finalizzate a diffondere l’imminenza dello svolgimento della rilevazione, a creare una certa attesa da parte dell’opinione pubblica, ad anticipare specifiche eventuali richieste di chiarimento e a valorizzare costantemente la diffusione dei risultati. Da nostra analisi complessiva sulle rilevazioni censuarie oggetto della nostra ricerca comparativa, traspare che la generalità degli istituti censuari tiene sì tanto a valorizzare la rilevazione che essa viene più volte assimilata ad un vero e proprio evento, capace di catturare l’attenzione dei più, degno di nota nelle prime pagine della stampa e oggetto di ripetuti messaggi da parte degli altri mass media. La caratterizzazione del censimento come evento di interesse nazionale è portata avanti tramite svariate modalità progettuali ed operative: citiamo ad esempio l’attività di diffusione della “cultura censuaria” all’interno del sistema dell’istruzione pubblica, con la diffusione in tutti i livelli scolastici di numerose nazioni 35 di “kit censuari”, contenenti modulistica, informazioni storiche, note normative, calendari attuativi, cd-rom interattivi, quiz tematici e materiale per le simulazioni di rilevazioni censuarie in classe; un’originale strumento di propaganda censuaria è la “Hall of Fame Census”, avviata con successo nel Regno Unito, consistente nella 32 DESNOYERS M. e NORRIS D., Strategies for Involving Stakeholders in Census Activities. The Canadian Experience, in Symposium on Global Review of 2000 Round of Population and Housing Censuses: Mid Decade Assessment and Future Prospects, United Nations, Statistics Division, New York, 7-10 Agosto 2001 33 A titolo d’esempio, l’ISTAT ha attivato svariate attività di “partenariato “ con differenti interlocutori: tra essi citiamo numerosi comuni che hanno attivato specifiche campagne comunicazionali a livello locale; inoltre, aziende quali, tra le principali, ALITALIA, CARITAS, CONFCOMMERCIO, CONFSERVIZI,ENEL, LOTTOMATICA, SISAL, TIM, hanno stipulato con l’ISTAT particolari convenzioni che hanno prodotto particolari modelli comunicazionali miranti a pubblicizzare l’”evento” censuario, inserendo il logo dei censimenti sulle fatture, accompagnando le normali corrispondenze con foglietti illustrativi e introducendo negli ambienti di relazioni dirette con il pubblico manifesti e locandine propagandanti l’utilità e le modalità del censimento. 34 US Census Bureau. 35 Inghilterra, Stati Uniti, Argentina, Cile, Australia, Nuova Zelanda.
Anteprima della tesi: Le relazioni pubbliche come funzione di census management: analisi comparativa di quindici esperienze censuarie, Pagina 15

Preview dalla tesi:

Le relazioni pubbliche come funzione di census management: analisi comparativa di quindici esperienze censuarie

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Tommaso Botto
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Relazioni Pubbliche
  Relatore: Mauro Pascolini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 201

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

censimento demografico
census management
comunicazione censuaria
pubbliche relazioni
censimento
comunicazione pubblica
censimento della popolazione
rilevazioni censuarie

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi