Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Percezione e recezione della ''Nuova Musica'' in Italia nel secondo dopoguerra

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

gusto timbrico fu un altro aspetto, indubbiamente più esteriore, ma sviluppato fino a risultati di enorme importanza, della consapevole volontà espressiva prodotta dal romanticismo 8 . Nell'Ottocento, e ancor più ai nostri giorni, l'appropriatezza stru- mentale diventa oltre che una delle maggiori cure del compositore, uno dei suoi mezzi espressivi più efficaci. Sommerso nel cromatismo dell'antica plasticità tonale, molte volte l'eloquio orchestrale di Wagner si configurerà essenzialmente come una giustapposizione di macchie di colori strumentali governata, appunto, da un'accorta combinazione e successione di timbri. Tutta una corrente della musica romantica, che fa capo a Berlioz e a Liszt e giunge fino a Richard Strauss, coltiverà con particolare cura questa prevalenza - in un certo senso materialistica - della forma esterna (orchestra, timbro strumentale) sul nocciolo melodico, armonico e ritmico del linguaggio musicale. L'assoluta dedizione dell'arte romantica all'interiorità dell'individuo produce l'inesauribile versatilità dei suoi aspetti, che vanno da un romanticismo temperato - semplice effusione di sentimentale tenerezza, di nostalgie amorose, di ebbrezze contemplative di fronte agli spettacoli naturali - ad un più intenso e sofferto romanticismo, fatto di chimeriche aspirazioni ideali, di allucinazione morbosa, di slanci appassionati cui se- guono le più mortali disperazioni. Un complesso spiritualmente psicolo- gico, per il quale fu coniata l'espressione di «mal del secolo», prende il posto dell'animoso e battagliero fervore, ottimistico e moralmente positivo, che aveva caratterizzato il primo romanticismo 9 . 8 Cfr AA. VV., Storia della musica , op. cit. 9 Cfr NICOLODI F., Orizzonti musicali italo-europei 1860-1980, Roma, Bulzoni, 1990.

Anteprima della Tesi di Marco Montanari

Anteprima della tesi: Percezione e recezione della ''Nuova Musica'' in Italia nel secondo dopoguerra, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Marco Montanari Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5774 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.