Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di bilancio in una società di telecomunicazioni: un caso operativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

21 1.5 Modi di propagazione della luce in una fibra In una fibra ottica il campo elettromagnetico pu� propagarsi solo secondo un certo numero ben definito di configurazioni possibili, che vengono denominate modi di propagazione. Un modo di propagazione � essenzialmente un�onda stazionaria prodotta dall�interazione reciproca di tutti i raggi che formano uno stesso angolo con l�asse di una fibra a simmetria circolare. Il numero di modi che possono propagarsi in una fibra sar� tanto pi� grande quanto maggiori saranno il cono di accettazione dei raggi ed il diametro del nucleo: tale numero � generalmente molto elevato. Se la luce � monocromatica 12 , i raggi viaggeranno tutti alla stessa velocit�, quindi quelli che entrano nella fibra con un�angolazione maggiore compiono un percorso pi� lungo del generico raggio che lo effettua invece in modo parallelo ad essa. In definitiva, tra tutti i raggi prodotti da una sorgente un certo numero viene accettato e si propaga in fibra seguendo cammini diversi che comportano tempi di percorrenza diversi: ne segue che la larghezza dell�impulso luminoso va aumentando man mano che si propaga. Tutti i percorsi seguiti dai raggi che possono essere sovrapposti per rotazione o traslazione costituiscono una congruenza (insieme di tutti i raggi aventi i medesimi parametri propagativi, come ad esempio lo stesso angolo di incidenza all�interfaccia nucleo-mantello) e si comportano allo stesso modo. 12 La luce � definibile come un fascio di radiazioni elettromagnetiche aventi la propriet� di essere percepibili all�occhio umano. Ad un determinato gruppo di frequenze dello spettro elettromagnetico corrisponde un segnale che il cervello interpreta come colore. La pi� semplice forma di luce � quella monocromatica, formata da una radiazione avente una solo frequenza; all�altro estremo vi � la luce bianca, formata dalla sovrapposizione di tutte le radiazioni possibili.

Anteprima della Tesi di Clive Delzetti

Anteprima della tesi: Analisi di bilancio in una società di telecomunicazioni: un caso operativo, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Clive Delzetti Contatta »

Composta da 256 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12323 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 31 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.