Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Creazione di valore e misure di performance basate sul profitto: il caso MBDA Italia spa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione Sempre più spesso si valutano le qualità delle performance aziendali in funzione della capacità di creare o distruggere valore per l’azionista, tanto che negli ultimi anni, accademici e società di consulenza hanno proposto sul mercato una grande varietà di metodologie nel nome della creazione. In particolare la nostra analisi si è stata condotta sulle misure di performance basate sul concetto di “profitto”. Il fondamento teorico di questi metodi è che la creazione di valore per l’azionista è legata ai profitti conseguiti dall’impresa; in ogni caso ciò è vero soltanto se si abbandona il riferimento ai profitti contabili, esposti in bilancio, per rifarsi unicamente al concetto di profitto economico. Quest’ultimo è pari alla remunerazione eccedente quella minima attesa dai portatori di capitale di rischio, ed è un indicatore valido del valore creato nell’esercizio, perché considera adeguatamente tutte le variabili di calcolo del profitto, vale a dire il reddito, il capitale investito ma anche il rischio relativo all’investimento di capitale. Il riconoscimento di un costo al capitale proprio rappresenta l’aspetto di maggior rilievo dell’approccio in questione. Da un punto di vista metodologico il presente lavoro è strutturato in quattro capitoli. Il primo capitolo è basato su un’introduzione generale alla teoria della creazione del valore per l’azionista, mettendone in risalto l’importanza acquisita negli anni recenti e indicando i principali metodi di valutazione del capitale economico. Il secondo capitolo approfondisce l’origine del concetto di profitto; una grandezza normalmente data per scontata ma che in realtà è avvinta da profondi equivoci e ambiguità, sia a causa dei differenti significati ad essa associati, che delle sfumature terminologiche

Anteprima della Tesi di Cristina Paolelli

Anteprima della tesi: Creazione di valore e misure di performance basate sul profitto: il caso MBDA Italia spa, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Cristina Paolelli Contatta »

Composta da 365 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11251 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 43 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.