Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I modelli produttivi territoriali dell'economia brasiliana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

inglesi nell’America del Nord (Furtado, 1972). Gran parte di quest’ultime erano costituite da piccole proprietà rurali, mentre l’agricoltura d’esportazione del Brasile era dominata da grandi proprietà dedicate alla monocultura. Come conseguenza, il reddito era distribuito in maniera molto più uniforme nell’America del Nord che non in Brasile. Questo può spiegare la comparsa di un grande mercato interno nell’America del Nord che creò la base per l’iniziale sviluppo di un settore commerciale e industriale indipendente. La limitata dimensione del mercato brasiliano dovuta alla concentrazione della proprietà e del reddito servì invece a mantenere stagnante la struttura economica del Brasile. Verso la metà del XIX secolo i limitati tentativi di promuovere una produzione manifatturiera furono vanificati dalla politica di porte aperte ai beni stranieri del governo post indipendenza, con dazi all’importazione molto bassi. Bisogna attendere la fine del secolo e l’inizio di quello successivo perché si possa assistere ad un primo significativo sviluppo industriale del paese. Tra il 1885 e il 1905 ad esempio, i dati testimoniano un aumento superiore a dieci volte nella produzione di tessuti di cotone, e quasi il doppio della produzione nei dieci anni seguenti. Immediatamente prima del 1914 la produzione di tessuti già copriva l’ 85% dei consumi del paese. La produzione di abbigliamento, calzature, bevande e tabacco nel 1912 raggiunge il 40% della produzione del ’29 (Villela e Suzigan, 1973). Indicatori di formazione di capitale, crebbero ininterrottamente fino al 1914: il consumo di cemento aumentò di 12 volte (da 37.300 t nel 1901, a 465.300 t nel 1913), il consumo di acciaio aumentò più di otto volte (da 69.300 a 589 mila tonnellate) e l’importazione di beni capitali quasi quadruplicò nello stesso periodo 1 . 1 VILLELA, op cit.

Anteprima della Tesi di Claudio Martinello

Anteprima della tesi: I modelli produttivi territoriali dell'economia brasiliana, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Claudio Martinello Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2106 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.