Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Identificazione e controllo non-lineare mediante tecniche di tipo parametrico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

metodologie “model-based”: le tecniche “data-based”, infatti, forniscono intrinsecamente soluzioni approssimate (soluzioni “ingegneristiche”), sono assai più semplici dal punto di vista matematico (anche se spesso sono computazionalmente molto più pesanti), ma presentano notevoli difficoltà in fase di analisi (le prestazioni dei controllori progettati attraverso metodologie “data-based” vanno, il più delle volte, verificate a posteriori, direttamente sull’impianto o su un simulatore dello stesso). Lo sviluppo di queste tecniche é un fatto assai recente, ed ha accompagnato lo sviluppo dei moderni sistemi di calcolo (calcolatori e microprocessori). Le tecniche “data-based”, infatti, sfruttano appieno le capacità e le potenzialità dei moderni calcolatori, in quanto richiedono un veloce trattamento di enormi quantità di dati (al contrario dei metodi “model-based”, che, in molti casi significativi, richiedono il semplice uso di carta e matita). p Metodologie di progetto “simulator-based”. Se le metodologie “model-based” possono essere considerate le metodologie “classiche” per il progetto dei controllori nonlineari, quelle “simulator-based” sono invece da considerarsi come le metodologie “dell’ultima ora” (usare il termine “moderno” può essere inappropriato); la loro importanza e significatività é infatti inscindibilmente legata alla disponibilità di calcolatori potenti e sofisticati sia in termini di capacità di calcolo, che di interfaccia grafica. Queste metodologie si collocano a metà fra le due precedenti, delle quali possono essere considerate un “ibrido”: infatti, sebbene richiedano la conoscenza a priori di un modello matematico del sistema (analogamente alle metodologie “model-based”), le equazioni di tale modello non vengono sfruttate direttamente per il progetto del controllore, ma vengono usate per la generazione di sequenze di dati ingresso/uscita del sistema, e per la validazione a posteriori delle prestazioni fornite dal controllore progettato sulla base di tali dati. E’ importante osservare come, mentre una metodologia “data-based” può essere usata in modalità “simulator-based”, non sia in genere vero il contrario: un metodo genuinamente “simulator- based” è infatti tale da sfruttare pesantemente la possibilità, offerta dal simulatore, di generare qualsiasi sequenza ingresso/uscita priva di disturbi, e di poter ripetere tale esperimento un numero indefinito di volte; è evidente come ciò lo renda radicalmente diverso da un metodo “data-based”, che deve invece far uso di poche sequenze di dati “rumorosi” raccolti direttamente dall’impianto.

Anteprima della Tesi di Sergio Matteo Savaresi

Anteprima della tesi: Identificazione e controllo non-lineare mediante tecniche di tipo parametrico, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Sergio Matteo Savaresi Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2318 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.