Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I ristorni nelle società cooperative: aspetti giuridici e economici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 l’art. 2544 regola lo scioglimento coatto delle cooperative che “non sono in condizione di raggiungere gli scopi per cui sono state costituite”. 1.3 Le leggi speciali sulla cooperazione La disciplina civilistica delle cooperative è integrata da numerose leggi speciali, la prima delle quali, in ordine di tempo, è la cosiddetta l. Basevi, ovvero il decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 14 Dicembre 1947, n. 1577, che regola principalmente la vigilanza sulla cooperazione effettuata dall’autorità amministrativa, nella figura del Ministero del lavoro e della previdenza sociale. A tale vigilanza sono sottoposte tutte le cooperative, eccetto particolari tipologie, quali le casse rurali e le cooperative di assicurazione, le mutue assicuratrici, le cooperative edilizie a contributo erariale. Le ispezioni ordinarie, che hanno luogo almeno ogni due anni (art. 2), sono delegate alle associazioni nazionali riconosciute, mentre le ispezioni straordinarie, eseguibili ogniqualvolta se ne presenti l’opportunità, sono affidate a funzionari del ministero, i quali si occupano anche delle cooperative che non aderiscono alle associazioni riconosciute (art. 3). Secondo l’art 9, l’attività ispettiva verifica: a) l’osservanza delle norme sulle cooperative; b) il rispetto delle condizioni per la fruizione delle agevolazioni tributarie; c) la corretta tenuta della contabilità; d) l’effettivo perseguimento dell’oggetto sociale; e) la consistenza patrimoniale dell’ente. Le ispezioni devono rivestire anche una funzione ausiliatrice e di indirizzo della gestione, non devono cioè avere carattere vessatorio; 11 le cooperative devono contribuire alle spese per le ispezioni, versando contributi all’associazione nazionale di appartenenza; le cooperative non aderenti ad alcuna associazione riconosciuta devono versare i contributi di cui sopra in un fondo costituito dal Ministero del Lavoro presso un istituto di credito (art. 8, primo e secondo comma). L’art. 10 disciplina i poteri e gli obblighi degli ispettori, i quali possono richiedere tutte le documentazioni e le informazioni necessarie ai fini dell’ispezione, al 11 V. Giorgi, Vigilanza e controlli, in AA.VV, Società cooperative e mutue assicuratrici , cit, p. 550.

Anteprima della Tesi di Lorenzo Lazzari

Anteprima della tesi: I ristorni nelle società cooperative: aspetti giuridici e economici, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Lorenzo Lazzari Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12417 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.