Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I ristorni nelle società cooperative: aspetti giuridici e economici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Il riconoscimento costituzionale di tale funzione è fondato sul suo carattere di mutualità, la quale assume perciò la massima rilevanza giuridica. Tuttavia, è un fatto che la legge non definisce né la mutualità, né lo scopo mutualistico e neppure il significato dell’assenza del fine di speculazione privata: non è dato di sapere cosa si intenda per speculazione, cosa possa distinguere la speculazione pubblica da quella privata e perché quest’ultima debba essere assente in un contratto di società cooperativa. Il codice civile definisce le società cooperative all’art. 2511, disponendo che: “Le imprese che hanno scopo mutualistico possono costituirsi come società cooperative”. La definizione civilistica è completata dall’art. 2515, secondo comma: “L’indicazione di cooperativa non può essere usata da società che non hanno scopo mutualistico”. Leggendo attentamente il combinato dei due articoli, risulta evidente che le imprese che hanno scopo mutualistico possono adottare uno schema diverso da quello della cooperativa; d’altro canto le cooperative sono necessariamente “imprese che perseguono uno scopo mutualistico”. Essendo la nozione civilistica di impresa fornita indirettamente dall’art. 2082, si evince che la causa del contratto di cooperativa ha in comune con quella del contratto di società lucrativa lo svolgimento di un’attività d’impresa. Ciò che le differenzia, stando al dato letterale, è lo scopo: nel primo caso è mutualistico, nel secondo consiste nella divisione degli utili. Il problema è accertare se lo scopo mutualistico sia effettivamente antitetico alla divisione degli utili, costituendo, dunque, la causa del contratto di società cooperativa, oppure se esso sia un mero motivo, irrilevante nello schema causale di tale contratto, la cui specificità sarebbe relegata, allora, alle sole modalità di gestione dell’impresa. In altre parole, ci si domanda se la distinzione che il codice civile esprime tra società lucrative e società cooperative sia giuridicamente effettiva, o confinata all’ambito letterale. Per taluni aspetti la cooperativa è sicuramente diversa dalle altre società, cosiddette ordinarie, ma è da definire se tale distinzione operi anche sul piano

Anteprima della Tesi di Lorenzo Lazzari

Anteprima della tesi: I ristorni nelle società cooperative: aspetti giuridici e economici, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Lorenzo Lazzari Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12417 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.