Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Maria Antonietta di Paolo Giacometti. Storia di una drammaturgia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Modena con la Ristori appartengono allo stesso periodo anche se sono informati da diverse scelte culturali e politiche. L’indagine parte dalla Compagnia Reale Sarda a causa del curioso equivoco in virtù del quale questa régia istituzione è stata considerata innovatrice del teatro italiano laddove, come si è cercato di dimostrare nel corso di questo lavoro, essa è stata invece l’ultima propaggine, massimamente perfezionata, di una struttura portante del teatro del XVIII secolo. Il movimento innovatore veniva da Gustavo Modena che accoglieva l’eredità delle esperienze e del dibattito dei riformatori del teatro italiano che agirono nel periodo così detto giacobino, cioè tra il 1796 e il 1805. Infatti la celebre riforma proposta dal Modena non nasce come innovazione di tecnica d’interpretazione, ma come conseguenza di una particolare idea di teatro che affondava le sue radici nell’Illuminismo e nel movimento giacobino. Era dunque necessario riproporre all’attenzione il momento giacobino del nostro teatro cercando di separarlo nettamente da quello che sarà il teatro risorgimentale essenzialmente monarchico e liberale, laddove l’altro ebbe una matrice repubblicana e radicale che fu soffocata dal maggior potere napoleonico e dalla proclamazione del Regno Italico. La complessità e compattezza della riforma del Modena, che implicava una nuova drammaturgia e una nuova tecnica di interpretazione, fu frantumata dai contemporanei e dagli allievi stessi dell’attore i quali, ne colsero ed accettarono soltanto la parte riguardante la tecnica di recitazione, dando così vita alla figura del grande attore quale si protrarrà per tutto il secolo. Di questa frantumazione della riforma modeniana la Ristori rappresenta l’espressione più compiuta e significativa. La Direzione Generale dei Teatri di Torino scriveva a Gaetano Bazzi conduttore della Compagnia Drammatica al Servizio di Sua Maestà, più conosciuta con il nome di Compagnia Reale Sarda:

Anteprima della Tesi di Alberto Rizzo

Anteprima della tesi: Maria Antonietta di Paolo Giacometti. Storia di una drammaturgia, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Alberto Rizzo Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2249 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.