Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le economie di transizione nel passaggio da piano a mercato: il caso della Romania

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 L�Ufficio Politico includeva oltre al Segretario Generale, il presidente del Consiglio dei ministri e il Presidente del Soviet Supremo e ne facevano parte, di solito, i ministri dei Dicasteri pi� importanti. Il Segretario Generale del Partito Comunista aveva enormi poteri, e all�esterno rappresentava il partito stesso. Pi� o meno ovunque questo ruolo era detenuto da una stessa persona per un lungo periodo, cos� come fu per i vari segretari generali: Stalin, Breznev, Kruscev in URSS; Hoxha in Albania; Georgiu-Dej e Ceausecu in Romania Il Comitato di Controllo del Partito rappresentava un importante organo di controllo interno sulla condotta dei membri del partito. Non se ne conosceva la composizione. In quasi tutti i Paesi era affiancato da una polizia politica, il KGB in URSS, la Stasi nella RDT, la Securitate in Romania, che ne sono un esempio tristemente noto. L�organizzazione della produzione, si presentava come un processo organico al sistema politico. Anche questa era organizzata attraverso una struttura verticistica, dove in ordine discendente si trovavano: 1. Il Consiglio dei Ministri, 2. La Commissione Statale per la Pianificazione, 3. I Ministeri economici, 4. Gli Enti Amministrativi intermedi (associazioni di settore o economiche e autorit� regionali). 5. Le imprese. Le imprese produttive possono essere classificate in cinque categorie: imprese industriali e commerciali di Stato, imprese cooperative, aziende agricole di stato, imprese agricolo-industriali e imprese del settore privato. In un sistema di economia pianificata la struttura produttiva � determinata interamente dalla Commissione Statale per la Pianificazione che decide tutte le componenti dell�economia, il numero di inputs e di outputs che devono essere prodotti, la ripartizione degli investimenti e dei consumi, il volume di scambi interni ed esteri. Dal punto di vista puramente teorico, si poteva pensare che la pianificazione fosse capace di funzionare, e potrebbe essere in grado di correggere con maggiore efficienza di un sistema di mercato le distorsioni, sia di allocazione che di produzione, cosi come Oskar Lange, gi� dimostr� negli ani trenta.

Anteprima della Tesi di Andrea Loi

Anteprima della tesi: Le economie di transizione nel passaggio da piano a mercato: il caso della Romania, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Andrea Loi Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6307 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.