Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Diritti umani e politica estera irlandese nel secondo dopoguerra

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Inizialmente l’ingresso nella Cee porta vantaggi economici, soprattutto grazie alla Politica Agricola Comunitaria e ai fondi di sviluppo, ma agli inizi degli anni ’80 l’Irlanda deve fra fronte ad una nuova crisi economica e l’emigrazione riprende ad aumentare. Gli anni ’90 hanno visto un nuovo boom economico. La generalizzata tendenza al rialzo dell’economia irlandese, nota come “Celtic Tiger”, ha fatto del paese un modello di sviluppo economico per tutta l’Europa. Grande sostenitrice dell’integrazione economica europea, auspicando una maggiore unità dal punto di vista economico, sociale e politico, ha accolto favorevolmente l’introduzione della moneta unica, l’euro, entrata in vigore nel febbraio del 2002. Nel 1974 il primo ministro allora in carica, L.Cosgrave, cerca di dare vita ad un Consiglio formato dai rappresentanti di Gran Bretagna, Eire e Ulster, per trovare una soluzione al problema dell’Irlanda del Nord. Nel maggio del 1975 Cosgrave fa una serie di proposte concilianti, fra le quali quella della rinuncia da parte della repubblica ad avanzare rivendicazioni territoriali sull’Ulster. Il principale partito di opposizione, il Fianna Fail, respinge fermamente tale indirizzo e tutti i negoziati con Londra sull’Ulster vengono sospesi. In questo quadro continuano gli incidenti provocati dai contrasti politici , compresi violenti attentati organizzati dall’IRA. Dopo un confronto con il primo ministro britannico sulle questioni di sicurezza, Cosgrave vara una normativa speciale sulle attività terroristiche che comprende l’estensione dei tribunali al potere di giudicare atti terroristici compiuti extra- territorialmente, nell’Ulster o in Gran Bretagna, oltre ad una serie di misure contro le organizzazioni clandestine. Nell’ottobre del 1976 il presidente O’Dalaigh si dimette a seguito dell’accusa, da parte della corte costituzionale, di aver violato la costituzione nelle sue proposte di lotta al terrorismo.

Anteprima della Tesi di Monia Donati

Anteprima della tesi: Diritti umani e politica estera irlandese nel secondo dopoguerra, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Monia Donati Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1632 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.