Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Diritti umani e politica estera irlandese nel secondo dopoguerra

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Nel 1932 De Valera e il suo Fianna Fáil vincono le elezioni, riportando un’ulteriore schiacciante vittoria alle consultazioni del 1933 da loro richieste per confermare il proprio mandato. Tra il 1936 e il 1938, De Valera, appoggiato all’inizio anche dall’I.R.A., di cui aveva subito liberato i militanti detenuti, ottiene di cancellare il giuramento, smette di pagare il tributo annuo, fa approvare una nuova Costituzione, fortemente orientata verso il clericalismo cattolico, che abolisce il Governatore britannico, proclama l'unità dell'isola e fa dell'Irlanda una Repubblica in tutto tranne che nel nome e riesce a farsi rendere dalla Gran Bretagna le basi navali. Nel frattempo il Governo De Valera è tornato a reprimere il Movimento Repubblicano, in quegli anni impegnato nel sostegno alle lotte operaie e negli scontri contro le bande clerico- fasciste delle Camicie Azzurre, sostenute dal Fine Gael 7 , predisponendo un insieme di leggi speciali eccezionali (Offences Against the State Act) che sono durate in gran parte fino ad oggi. Nel 1937 allo scopo di raggiungere la completa indipendenza, de Valera fa approvare dal parlamento una nuova costituzione che, sottoposta a plebiscito, diviene operante nel dicembre. Lo stato libero d’Irlanda adotta il nome di Eire, abolisce lo stato di dominion, acquistando così completa indipendenza, pur nell’ambito del Commonwealth. Il suo governo segue una politica di neutralità, tanto che nel corso della seconda guerra mondiale giunge fino a rifiutare alle navi britanniche le basi irlandesi. L'I.R.A. invece, con un sussulto militaristico, decide di intraprendere una campagna di attentati contro la Gran Bretagna (Gennaio 1939-Giugno 1944). De Valera reagisce con l'internamento preventivo di tutti i Repubblicani, e diverse esecuzioni: il bilancio della campagna è di una quarantina di vittime, in maggioranza Repubblicani. 7 Famiglia dei Gaeli, il partito in cui si erano raggruppati i vincitori della guerra civile, trovatisi all'opposizione.

Anteprima della Tesi di Monia Donati

Anteprima della tesi: Diritti umani e politica estera irlandese nel secondo dopoguerra, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Monia Donati Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1632 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.