Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il linguaggio figurato e la comprensione delle espressioni idiomatiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Inversione di marcia. Ripartiamo ab origine. In che modo i parlanti intendono le espressioni figurate? Nel linguaggio figurato, il significato inteso non coincide con i significati letterali delle parole e delle frasi che sono utilizzate. Nella metafora ad esempio, il significato letterale è spesso assurdo, non corrispondente ai significati logici di significazione. Nelle espressioni idiomatiche, la relazione tra il significato letterale ed idiomatico potrebbe essere totalmente opaco come nella frase di punto in bianco che significa “all’improvviso”, ma le persone non hanno idea di come o perché questa espressione significhi ciò che esprime. Tradizionalmente, il linguaggio figurato, come metafore ed espressioni idiomatiche, è stato considerato come derivante da un linguaggio letterale più che semplice e lineare, molto complesso e difficile. A mio parere il linguaggio figurato è nato per coprire un vacuum che spesso le parole creano (lo si nota soprattutto ascoltando i discorsi di bambini molto piccoli). Servirebbe a far intendere ad altri ciò che spessi si ritiene dentro e non si riesce ad esprimere. Un approccio contemporaneo, descritto non solo dal filone di ricerca psicologica, ma anche da quello filosofico e linguistico, è che il linguaggio figurato comprende gli stessi tipi di operazioni linguistiche e pragmatiche che sono impiegate per l’ordinario linguaggio letterale. Potremmo identificare due tipi di operazioni linguistiche che le persone utilizzano per comprendere un discorso. Un gruppo comprende operazioni come l’accesso lessicale, l’analisi sintattica e così di seguito. Un secondo gruppo consiste di operazioni meno definite, ma non meno importanti, se non necessarie in maniera rilevante per il processo di comprensione, di solito raggruppate sotto il termine di “pragmatica”. Nonostante l’utilità di queste due distinzioni, il linguaggio letterale richiede l’impiego di entrambi i tipi di operazioni, non meno di quelle richieste per il

Anteprima della Tesi di Laura Cuozzo

Anteprima della tesi: Il linguaggio figurato e la comprensione delle espressioni idiomatiche, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Cuozzo Contatta »

Composta da 227 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11525 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.