Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Identità digitale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Nell’affrontare tale argomento si sono tenuti in considerazione principalmente due Autori: il Mantovani e la Turkle; per questo si è ritenuto opportuno suddividere il lavoro in due parti distinte. Nella prima parte sono state illustrate le più significative elaborazioni teoriche riguardanti il Self ed il suo rilevante rapporto con il contesto sociale in cui è inserito. Il punto di partenza di tale iter è stato il lavoro di James; attraverso il “comportamentismo sociale di Mead, si è giunti all’analisi del paradigma cognitivista, nell’accezione che studia il Self come struttura di conoscenza e accorda all’uomo il privilegio assoluto di essere per eccellenza produttore di significati che hanno un senso comune per l’ “animale sociale”. Successivamente - sempre rimanendo in un contesto di impostazione cognitivista - si è utilizzato, come filtro interpretativo, il paradigma dell’azione situata che differisce dalla precedente impostazione, centrata sulla metafora uomo-computer, ed enfatizza una prospettiva in cui l’azione non è più intesa come diretta esecuzione di un piano precostituito, ma come un adattamento dinamico alle peculiarità delle situazioni e delle circostanze. Utilizzando questo nuovo filtro si è proceduto ad analizzare gli sviluppi dell’identità negli ambienti di significati condivisi, mettendo in evidenza come l’interpretazione sia indispensabile per la comprensione del mondo. L’interpretazione fa da ponte tra l’Homo e gli artefatti tra cui troviamo proprio il computer. La comunicazione che ne scaturisce è un’area di notevole interesse per la psicologia sociale, perché fornisce la possibilità di studiare gli atteggiamenti degli individui rispetto a se stessi e agli altri. Infine si è proceduto ad un’analisi dello sviluppo dei sé possibili negli ambienti virtuali intesi quali luoghi di esperienza e di comunicazione. Ne emerge un articolato terreno culturale nel quale due concezioni diverse tra loro fanno la loro apparizione: la Realtà Artificiale e la cultura cyber; entrambe sortiscono effetti sulla definizione del sé e dell’identità.

Anteprima della Tesi di Luciana Ferretti

Anteprima della tesi: Identità digitale, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luciana Ferretti Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8134 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.