Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il vincolo di giudicato nel controllo di costituzionalità delle leggi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

irresponsabili (non possono essere revocati 13 nè nominati una seconda volta 14 ); (c) le modalità di formazione: si utilizzano procedure diverse da quelle previste nel nostro ordinamento per la selezione dei giudici. Per i membri della Corte costituzionale è prevista l’ elezione da parte di altri giudici e del Parlamento in seduta comune; vi si aggiungono le nomine compiute dal Presidente della Repubblica, che presentano, almeno in linea di principio, una caratterizzazione politica minore; (d) le cd. guarentigie dei giudici costituzionali: l’ art. 3 della legge cost. 9 febbraio 1948, n. 1, prevede che “i giudici della Corte costituzionale non possono essere rimossi, né sospesi dal loro ufficio, se non con decisione della Corte, per sopravvenuta in capacità fisica o civile o per gravi mancanze nell’esercizio delle loro funzioni. Finchè durano in carica, i giudici della Corte costituzionale godono dell’ immunità accordata nel secondo comma dell’ art. 68 della Costituzione ai membri delle due Camere. L’autorizzazione ivi prevista è data dalla Corte costituzionale”; (e) lo stile delle decisioni: un aspetto che fa propendere per la tesi della natura giurisdizionale. Le pronunce della Corte si chiamano ‘sentenze’ od ‘ordinanze’ e si atteggiano a tali: sono scritte nello stile tipico dei provvedimenti del giudice (quello proprio di chi mostra di fare mera applicazione del diritto) e sono motivate sulla base di norme (almeno dichiarate) preesistenti. Il quadro è completato dall’ art. 28 della l. 87/1953, che vieta alla Corte “ogni valutazione di natura politica e ogni sindacato sull’ uso del potere discrezionale del Parlamento”. La giurisprudenza costituzionale fornisce un argomento anche ai sostenitori di questa seconda opinione, i quali danno risalto alle decisioni nelle quali la Corte afferma la propria legittimazione a sollevare 13 Art. 3, I c., legge cost. 1/1948. 14 Cost., art. 135, III c.

Anteprima della Tesi di Valeria Cinollo

Anteprima della tesi: Il vincolo di giudicato nel controllo di costituzionalità delle leggi, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valeria Cinollo Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2293 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.