Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'integrazione dei cittadini dei paesi terzi in Europa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 INTRODUZIONE L�obiettivo di questo lavoro � descrivere l�evoluzione della politica comunitaria in tema di valorizzazione ed integrazione dei cittadini dei Paesi terzi che risiedono legalmente nel territorio dell�Unione europea. Il tema si inserisce in quello pi� ampio relativo alla graduale realizzazione di una politica comune in materia di immigrazione. Data la necessit� di circoscrivere il campo delle ricerche, l�analisi � stata concentrata sul fenomeno migratorio in senso stretto, non trattando una serie di temi tradizionalmente ad esso collegati, come ad esempio il diritto di asilo. In una recente Comunicazione della Commissione l�integrazione � stata definita come: �un processo biunivoco, che si fonda sulla presenza di reciproci diritti e, conseguentemente, obblighi per i cittadini di paesi terzi che soggiornano legalmente e per la societ� ospitante che offre una piena partecipazione al migrante� 1 . Secondo la Commissione da questo concetto consegue l�idea che spetti alla societ� ospitante la responsabilit� di garantire la presenza di diritti formali a favore dei migranti, per permettere loro di partecipare attivamente alla vita economica e sociale al pari dei cittadini nazionali. Dall�altra parte per� � necessario che l�immigrato rispetti le norme ed i valori fondamentali della societ� ospitante, partecipando attivamente al processo di integrazione, senza essere costretto a rinunciare alla propria identit�. Osservando le principali misure adottate a livello comunitario dopo il 1999, che sono state elencate in appendice, emerge un dato interessante. Le istituzioni europee fino ad ora non hanno adottato alcun atto normativo in tema di integrazione degli stranieri, nonostante la Commissione abbia presentato una serie di comunicazioni e di proposte di direttiva in tema di valorizzazione dell�immigrazione legale. 1 COM (2003) 336 del 3/6/2003.

Anteprima della Tesi di Paolo Guelfi

Anteprima della tesi: L'integrazione dei cittadini dei paesi terzi in Europa, Pagina 1

Tesi di Master

Autore: Paolo Guelfi Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3473 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.