Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Maurizio Ponzi. Tra arte e mestiere

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

fanno di lui una preziosissima memoria storica sulla quale sarebbe quanto meno insensato non soffermarcisi almeno un momento. In un’occasione egli ha affermato che «Cercare di girare un film è la cosa più angosciante del mondo, girarlo una delle più meravigliose». Questa frase, oltre a sintetizzare al meglio la sua carriera spesso irta di ostacoli, nella quale il film è sempre stato una specie di parto doloroso, intriso delle sofferenze della produzione, getta una luce anche sulla duplice composizione dell’espressione cinematografica, fatta insieme di organizzazione, pianificazione, costruzione, utilizzazione di mezzi tecnici, correzione di linguaggio, ma anche di idee sviluppate per dare visibilità ai sogni, alle angosce, alle insofferenze, alla voglia di ridere. Un costante e indispensabile equilibrio tra arte e mestiere, tra un uomo che rincorre i suoi pensieri e una macchina che ha bisogno di regole per riuscire a concretizzarli. Il cinema di Ponzi nasce essenzialmente da questa ambivalenza, il più delle volte sfruttandone il contrasto per dargli una forma, una cifra stilistica, ma sempre poi propenso ad esaltare la forza esercitata dall’equilibrio dei due pesi. La perfezione si trova nella zona di contatto che si alimenta da quel lieve gioco oscillatorio come di una bilancia in eterna ricerca della sua stabilità. È proprio questa maniacale ricerca che in genere è stata fraintesa, oppure criticata aspramente quando è fallita. Se il pensiero comune, per la verità tutto italiano, è quello di considerare buona solo una regia evidente, virtuosistica, sbilanciata, poco è lo spazio che si lascia a chi la intende in un altro modo. Eppure Maurizio Ponzi non ha mancato di dimostrare che la sua visione può dare anche ottimi frutti.

Anteprima della Tesi di Gaetano Buompane

Anteprima della tesi: Maurizio Ponzi. Tra arte e mestiere, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Gaetano Buompane Contatta »

Composta da 234 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1778 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.