Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'onirico, il visionario e l'ossessivo in Salman Rushdie: tematiche post-coloniali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 abbandonata, la “nuova terra”, l’“altrove” cui i personaggi aspirano e la difficoltà di accettare la propria diversità. I personaggi di questo romanzo, però, sembrano essere più spinti verso il nuovo che disposti a tornare indietro. Il loro scopo è ora quello di trovare un posto nella “nuova” terra in cui si sono trasferiti e, contemporaneamente, riuscire ad affermarsi assumendo una nuova identità che sia il risultato di un collage tra continui mutamenti, spostamenti e confronti tra culture diverse. Il protagonista del terzo romanzo, Fury, appare completamente diverso da quelli delle opere precedenti, poiché lo scrittore lo descrive soprattutto analizzandone il profilo psicologico evidenziando le conseguenze che il dissidio post-coloniale e la frantumazione dell’identità possono avere sulla psiche dell’uomo contemporaneo. Il personaggio è riuscito a trovare un posto nella società, ma ancora risente psicologicamente del processo di mutamento cui è stato sottoposto e non riesce ad accettare la sua condizione di outsider everywhere: “cittadino senza patria”. L’opera di Rushdie è fondamentale per comprendere l’evoluzione del romanzo post-moderno e post-coloniale, poiché ha introdotto per la prima volta tecniche narrative, non ancora utilizzate precedentemente, basate sulle teorie di Mikhail Bakhtin che per primo ha introdotto alcuni concetti fondamentali nell’ambito delle nuove teorie sul romanzo come, ad esempio, il chronotope e la heteroglossia. L’applicazione di questi concetti ha favorito la diffusione della forma del romanzo come mezzo di affermazione culturale soprattutto nell’ambito post-coloniale. Ciò che rende il romanzo particolarmente adatto sono i tre fattori fondamentali che lo caratterizzano: la sua natura rappresentativa, la struttura eterogenea e la funzione di ciò che Bakhtin ha definito chronotope. Questi fattori non sono ovviamente applicabili ad una forma letteraria diversa come la poesia: To some degree, this focus on the novel reflects a general shift of attention within literary studies away from poetry towards narrative, but we can further attribute the novel's predominance in postcolonial

Anteprima della Tesi di Angela Monetta

Anteprima della tesi: L'onirico, il visionario e l'ossessivo in Salman Rushdie: tematiche post-coloniali, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Angela Monetta Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4080 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.