Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'onirico, il visionario e l'ossessivo in Salman Rushdie: tematiche post-coloniali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 1. IL SOGNO: TEORIA E SINTOMI Fin dai tempi più antichi gli uomini hanno attribuito ai sogni un carattere magico e soprannaturale affidandosi ad essi per interpretare il futuro o per interrogare gli dei, mentre uno studio scientifico sull’argomento è offerto solo, molto più tardi, dall'opera di Freud, che ha considerato il sogno uno dei pilastri fondamentali della sua teoria della psicoanalisi. I sogni, secondo Sigmund Freud, oltre ad essere un elemento quotidiano, comune a tutti gli uomini, sono spesso sintomi di malesseri psichici dell’individuo. È difficile, se non addirittura impossibile, dare una definizione precisa di sogno di cui si possono individuare solo le caratteristiche generali. Il sogno può essere considerato uno stato intermedio tra vita veglia e sonno, poiché rappresenta la vita della psiche durante il sonno: Il sogno costituisce evidentemente la vita della psiche durante il sonno, vita che ha certe somiglianze con quella della veglia e che d’altra parte se ne discosta per grandi differenze. […] Il sogno sembra quindi essere uno stato intermedio tra sonno e veglia. 2 Durante il sonno, l’individuo abbandona ogni attività e ritira la sua attenzione dal mondo esterno, rifiutandone ogni stimolo. La psiche però non abbandona del tutto la sua attività della vita veglia, non si rassegna alla momentanea sospensione, perciò residui di essa s’insinuano nella mente del soggetto durante il sonno dando vita ai sogni che possono essere considerati quindi il modo con cui la psiche reagisce agli stimoli, interni ed esterni al soggetto, che agiscono durante il sonno. Durante l’attività onirica i processi psichici seguono una logica completamente diversa da quella della veglia: 2 Sigmund Freud, Introduzione alla psicoanalisi, Torino, Bollati Boringhieri, 1978, p.81.

Anteprima della Tesi di Angela Monetta

Anteprima della tesi: L'onirico, il visionario e l'ossessivo in Salman Rushdie: tematiche post-coloniali, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Angela Monetta Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4082 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.