Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione degli effetti economici dell'Imposta Regionale sulle Attività Produttive (Irap)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione La legge delega n. 662 del '96, collegata alla finanziaria '97, ha dato il via ad una serie di decreti delegati che hanno profondamente riformato il nostro sistema tributario. Tra questi decreti assume particolare rilievo il decreto legislativo n.446 del 15 dicembre 1997 che istituisce l'Imposta Regionale sulle Attività Produttive, l'IRAP, abolendo contestualmente una serie di tributi e contributi 1 . L'introduzione dell'IRAP costituisce senza dubbio uno degli aspetti più innovativi ma anche più controversi dell'intera riforma fiscale. Molti sono i fattori che meritano di essere attentamente valutati: l'equità e quindi la legittimità dell'imposta alla luce dei principi della nostra costituzione, la neutralità nei confronti delle scelte di mercato degli operatori economici, gli effetti ridistributivi. Questa tesi si propone un inquadramento sistemico di tutte le problematiche relative, al fine di valutare la coerenza dell'imposta con gli obiettivi della riforma nonché il fondamento delle numerose critiche che sono state mosse al tributo. 1 Il decreto è entrato in vigore dal 1° gennaio 1998. Da allora è stato più volte modificato da una serie di decreti legge (137/98, 422/98, 176/99, 506/99) e, in ultimo, dalla finanziaria 2000.

Anteprima della Tesi di Michele Delle Fave

Anteprima della tesi: Valutazione degli effetti economici dell'Imposta Regionale sulle Attività Produttive (Irap), Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michele Delle Fave Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6341 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.