Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La determinazione del trattamento di fine rapporto nella giurisprudenza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1: Dall'Indennità di Anzianità al Trattamento di Fine Rapporto 13 La progressiva accentuazione della crisi economica, cui sono necessariamente conseguite fasi di ristrutturazione aziendale legate ad innovazioni tecnologiche, ponevano in risalto in termini di politica economica la negativa funzione esercitata dall'istituto sui processi di mobilità dei lavoratori: una struttura retributiva eccessivamente legata all'anzianità aziendale costitutiva, infatti, un fattore di resistenza ad un'occupazione flessibile, ritenuta più conciliabile con la recessione e la trasformazione in atto negli anni '70. Inoltre l'unificazione del punto di contingenza ed il rapido pervenire ad un'inflazione a due cifre, correlati al sistema di calcolo ed alla dinamica degli automatismi, comportavano per l'azienda un costo crescente dell'indennità, che non trovava un più equo temperamento nella contropartita dell'autofinanziamento che l'indennità di anzianità rappresentava per l'impresa. Quindi questo tipo di autofinanziamento era divenuto molto più oneroso rispetto ad altre fonti alternative, nel senso, cioè, che la rivalutazione degli accantonamenti annuali era molto più alta rispetto ad eventuali interessi da corrispondere a qualsiasi finanziatore. Come si è accennato, il trattamento normativo in vigore prima del 1977, e quello introdotto con la L.n.91/1977, sia pure per ragioni diverse, non apparivano più idonei a soddisfare gli interessi delle parti del rapporto di lavoro nel contesto di quella situazione economica e sociale e in termini di compatibilità con gli interessi generali. L'indennità di anzianità, infatti, ragguagliata all'ultima retribuzione, non solo non premiava la crescita effettiva della professionalità, ma diventava anche

Anteprima della Tesi di Fausto Di Battista

Anteprima della tesi: La determinazione del trattamento di fine rapporto nella giurisprudenza, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Fausto Di Battista Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4527 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.