Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Wto e l'Unione europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il clima in cui si svolse era del tutto particolare: gli scambi internazionali erano in fortissima crescita, così come la produzione mondiale; inoltre, nel 1957, con la conclusione del trattato di Roma, nasceva la CEE, da subito importantissima dal punto di vista commerciale, e destinata ad un’ulteriore forte crescita. Nonostante questa rilevante novità, il Dillon Round non ottenne grandissimi risultati, a causa delle profonde differenze tra paesi. Il ciclo di trattative successivo fu il Kennedy Round, che si svolse tra il 1964 e il 1967, e prese il nome dal Presidente USA da poco assassinato. Durante i negoziati, si cominciava a scorgere il contrasto tra Stati Uniti (che cominciavano a mutare un atteggiamento fino allora piuttosto difensivista) e CEE (divenuta una vera potenza in campo commerciale), contrasto che in seguito sarebbe divenuto piuttosto aspro, arrivando addirittura ad un passo dal far fallire l’Uruguay Round. Il Kennedy Round si concluse con un ulteriore forte abbassamento delle barriere doganali, e con un’importante novità: per la prima volta, erano comparse come argomento di trattative le barriere non tariffarie; nella fattispecie furono discusse le misure anti-dumping, anche se con risultati non molto significativi. 4. Il Tokyo Round Durante gli anni ’70 la situazione internazionale cambiò radicalmente: da un lato vi fu l’allargamento della CEE in seguito all’ingresso di Gran Bretagna, Irlanda e Danimarca e la sua sempre maggiore importanza sul piano del commercio internazionale, dato che ormai deteneva il primato degli scambi mondiali; dall’altro lato, per la prima volta dal dopoguerra, il volume del commercio internazionale decrebbe. Una serie di problemi politici ed economici riguardò molti paesi sviluppati, le cui economie vissero un periodo di recessione.

Anteprima della Tesi di Penelope Vecli

Anteprima della tesi: Il Wto e l'Unione europea, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Penelope Vecli Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8639 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.