Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Canada: sistema federale e crisi di statualità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

anglocanadesi ed i francocanadesi furono piuttosto difficoltosi; basti ricordare le ribellioni del 1837-38. Si trattò in quel caso, per Codignola, di “manifestazioni dichiaratamente insurrezionali” [Codignola 1999, 301]. Esse si espressero contro lo status quo e, pur essendo assimilabili ad altri eventi degli anni ’30 nel resto del mondo occidentale, misero in evidenza il netto contrasto fra i Patriotes del Basso Canada ed i Reformers dell’Alto Canada. Entrambi i gruppi, inoltre, cercarono di affermare in quell’occasione la necessità di rinnovamento rispetto al potere corrotto del governo britannico. Il malcontento, quindi, fu condiviso da ambo le parti ed il destino politico del Canada fu profondamente segnato da questi continui episodi di contrapposizione interna. A seguito di tali avvenimenti, infatti, le autorità britanniche decisero di prevenire il manifestarsi di ulteriori scontri cambiando la struttura di governo delle due colonie [Metcalfe 1982, 205]. Si arrivò quindi all’approvazione, nel 1841, dell’Act of Union grazie al quale fu istituita un’unica unione legislativa. Furono conservate le istituzioni principali stabilite dalla costituzione precedente del 1791: “Un governo responsabile davanti al parlamento britannico, un consiglio esecutivo nominato dalla Corona ed un consiglio legislativo di 24 membri, nominati a vita (solo nel 1853 quest’organo diventò elettivo)” [Hamelin 1981, 83]. La costituzione della Provincia Unita del Canada esplicitò la volontà della madrepatria inglese, e quindi del governatore generale dell’epoca Thomson, di assimilare la comunità francofona al resto del paese. In quella direzione, andava il “Rapporto Durham” (1839). Nell’accogliere tale atto, infatti, il parlamento di Westminster affermo’ chiaramente la supremazia linguistica, culturale, sociale e quindi politica del Canada anglofono, nonché la necessità di una graduale eliminazione della cultura francese [Codignola 1999, 398]. Lord Durham, influente politico liberale dell’epoca, fu nominato governatore generale di tutto il Nordamerica britannico (ad eccezione

Anteprima della Tesi di Federica Ottavi

Anteprima della tesi: Il Canada: sistema federale e crisi di statualità, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Federica Ottavi Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4548 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.