Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità da reato dell'ente collettivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

destinato ad arrestarsi sul piano dell’elemento soggettivo, laddove non è possibile individuare una volontà colpevole dell’ente, pena il rischio di dar luogo ad una “colpevolezza collettiva” ( 17 ). Per superare i problemi derivanti dalla previsione della colpevolezza quale presupposto del reato, nella dottrina più recente non è mancato chi ha sostenuto, nel tentativo di combattere la criminalità economica con strumenti non strettamente penali, l’utilizzabilità delle misure di sicurezza, le quali risulterebbero compatibili con il principio ex art. 27, comma 1 Cost., inteso nella sua accezione “minima” ( 18 ). Questa soluzione è motivata dal fatto che il principio nulla poena sine culpa, sia esso costituzionalizzato o meno, porta a scartare il ricorso alla sanzione penale stricto sensu nei confronti delle persone giuridiche, dal momento che per esse mancano i presupposti per un giudizio di rimproverabilità. Diversamente, l’utilizzabilità delle misure di sicurezza nei confronti delle persone giuridiche è resa possibile dal fatto che esse si fondano non sull’elemento soggettivo della colpevolezza, bensì sul concetto di “pericolosità sociale” dell’autore di un fatto di reato, che consiste, secondo la definizione dell’art. 203 c.p., nella probabilità che il reo “commetta nuovi fatti preveduti dalla legge come reati”. Il riferimento, in particolare, è alle misure di sicurezza patrimoniali (quali, ad es., la confisca, la chiusura dello stabilimento, la sospensione dell’attività produttiva), essendo impraticabile, per motivi fisiologici, il ricorso a quelle detentive e personali. Soprattutto la confisca rappresenterebbe un valido strumento per combattere la criminalità d’impresa: trattandosi di un provvedimento 17 In tal senso cfr. M. ROMANO, Societas delinquere non potest. (Nel ricordo di Franco Bricola), in Riv. it. dir. e proc. pen., 1995, 1037. 18 F. BRICOLA, Il costo del principio societas delinquere non potest nell’attuale dimensione del fenomeno societario, in P. NUVOLONE (a cura di), Il diritto penale delle società commerciali, Milano, 1971, 76.

Anteprima della Tesi di Gianmarco Cristiano

Anteprima della tesi: La responsabilità da reato dell'ente collettivo, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianmarco Cristiano Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3339 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.