Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità da reato dell'ente collettivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

“artificiali”, cioè le persone giuridiche ( 5 ). Così gli unici protagonisti del diritto penale sono le persone fisiche: la persona giuridica è concepita come un’entità fittizia, immaginaria dietro la quale agiscono gli individui che costituiscono la vera realtà e su di essi, pertanto, è chiamata ad incidere la sanzione penale. Un ulteriore aspetto della teoria della finzione fa leva sugli scopi perseguiti dall’ente; quest’ultimo, dal momento che è “creato” dall’ordinamento, è in grado di operare esclusivamente per finalità lecite e ciò esclude qualsiasi suo possibile coinvolgimento in attività illecite, le quali potranno essere opera solo di persone che agiscono al di fuori dello scopo, dell’oggetto sociale e quindi anche al di fuori della persona giuridica stessa. La liceità dello scopo va valutata sul piano astratto delle finalità statutarie della persona giuridica, per cui uno scopo astrattamente lecito ben potrà essere perseguito, mediante atti concretamente illeciti, da parte dell’ente collettivo e in questo caso le eventuali conseguenze penali ricadranno sui soggetti preposti che hanno materialmente posto in essere la condotta vietata; invece, uno scopo statutario che si presenti già in sé illecito escluderà direttamente la personalità giuridica, cioè la possibilità per l’ente di essere titolare di determinati rapporti giuridici contrari al diritto ( 6 ). La limitata capacità giuridica, di cui gli enti dispongono, dipende da quella che il diritto positivo artificialmente riconosce loro, a seconda dei diversi scopi perseguiti e ciò riguarda solo i rapporti patrimoniali. In quest’ottica, i rapporti regolati dal diritto privato e dal diritto amministrativo, dal momento che si fondano sull’elemento della materialità dell’azione, possono essere imputati alla persona giuridica, in 5 F. GALGANO, Delle persone giuridiche: disposizioni generali, delle associazioni e delle fondazioni (artt. 11-35), in A. SCIALOJA-G. BRANCA (a cura di), Commentario del codice civile, Bologna-Roma, 1969, XXII, 10. 6 A. FALZEA, La responsabilità penale, cit., 151.

Anteprima della Tesi di Gianmarco Cristiano

Anteprima della tesi: La responsabilità da reato dell'ente collettivo, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianmarco Cristiano Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3339 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.