Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità da reato dell'ente collettivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

quanto dotata della capacità di diritto e conseguentemente anche gli eventuali fatti illeciti e le relative sanzioni saranno ad essa attribuite. I rapporti di diritto penale, invece, dal momento che richiedono la presenza di una componente psicologica, soggettiva, non permettono di individuare negli enti collettivi la capacità giuridica poiché essi sono privi di quella coscienza unitaria e volontà che il diritto penale necessariamente richiede quale presupposto ( 7 ) e che risultano presenti solo nell’individuo, l’unico in grado di realizzare l’azione penalmente rilevante ( 8 ). Tale operazione, che vede “degradati” i soggetti diversi dall’uomo a mere finzioni, ha lo scopo di affermare che l’intero sistema giuridico è costruito in funzione dell’individuo e dei suoi diritti, in quanto unica entità naturale, e proprio all’individuo venivano assimilate le persone giuridiche attraverso questo procedimento di finzione ( 9 ). Per Savigny, il legislatore, per soddisfare esigenze proprie del commercio giuridico, finge che entità diverse dall’uomo abbiano, al pari di quest’ultimo, l’attributo di persona: in tal modo egli estende la categoria degli esseri umani, dando vita ad una sorta di “uomini artificiali” ( 10 ). Questa teoria, che ebbe larga diffusione in Europa, grazie anche alla sua semplicità e al suo rigore logico, si rivelò ben presto del tutto insufficiente non solo per la falsità della sua premessa di fondo, ma anche per la povertà dei suoi contenuti. Non soltanto essa attribuì alla persona giuridica una soggettività “evanescente”, configurandola come 7 V. MANZINI, Trattato di diritto penale italiano, vol. I, Torino, 1950, 506. 8 “Il diritto penale ha da fare solo con l’uomo naturale, ente pensante, volente, senziente. Ma la persona giuridica non è tale, è un’entità fittizia, sta fuori del diritto penale. Tutto ciò che si considera come delitto della persona giuridica è solo il delitto dei membri o rappresentanti di essa, dunque di singoli uomini”, così F. FERRARA, Le persone giuridiche, in Tratt. dir. civ. ital., Roma, 1924, 253. 9 R. ORESTANO, Il «problema delle persone giuridiche» in diritto romano, I, Torino, 1968, 20. 10 F. GALGANO, (voce) Persona giuridica, in Dig. disc. priv., vol. XIII, Torino, 1995, 403.

Anteprima della Tesi di Gianmarco Cristiano

Anteprima della tesi: La responsabilità da reato dell'ente collettivo, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianmarco Cristiano Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3340 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.