Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il terzo pilastro della previdenza: analisi di un decollo mancato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 rendimento – pari a due punti per ogni anno di contribuzione – per la retribuzione pensionabile, che è una media particolare di tutti gli anni di contribuzione; v. l’indicizzazione dei benefici pensionistici all’andamento generale dei prezzi; vi. la retribuzione pensionabile è posta pari alla media delle retribuzioni imponibili di tutti gli anni di contribuzione con riferimento all’intera vita lavorativa; vii. l’istituzione regole per la costituzione dei fondi pensione aperti e chiusi incentivando l’uso del Tfr e istituendo contemporaneamente una Commissione di Vigilanza per i fondi, il COVIP. Queste norme riguardano i soggetti entrati nel mercato del lavoro successivamente alla loro approvazione, vale a dire a partire dal 1994. Di per sé la riforma Amato cambiò solo leggermente il sistema previdenziale: limitò le uscite anticipate di cui ancora fruiva il pubblico impiego, bloccò i pensionamenti differendoli di qualche anno o poco più: i conti pubblici trassero un certo beneficio ma era soprattutto un principio politico che veniva affermato: non vi erano più diritti acquisiti. Dal punto di vista strutturale la riforma ha sensibilmente ridotto le prestazioni pensionistiche per le generazioni più giovani. Particolarmente severa è la misura che elimina l’indicizzazione delle pensioni alle retribuzioni; tale disposizione comporta una notevole differenza di benessere economico tra chi è in pensione e chi è in attività. Alla severità manifestata nei confronti dei giovani si contrapponeva una grande tolleranza per i pensionati e i lavoratori con più di 15 anni di contribuzione, infatti tali cambiamenti non toccano i pensionati ma si prevedono aggiustamenti molto modesti e diluiti nel tempo per i lavoratori in attività. In sostanza emerge una scarsa equità di alcuni provvedimenti. A livello di debito previdenziale si è riscontrata una diminuzione tra il prima e il dopo Amato, ma tale variazione grava integralmente sulle future generazioni che, a regime, si troverebbero addirittura nella posizione di poter vantare un “credito previdenziale” nei confronti della società, perché la differenza tra il valore attuale

Anteprima della Tesi di Samuela Russo

Anteprima della tesi: Il terzo pilastro della previdenza: analisi di un decollo mancato, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Samuela Russo Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2721 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.