Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il terzo pilastro della previdenza: analisi di un decollo mancato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 1.2 La previdenza nell’Italia post-industriale Nel vecchio ordinamento italiano il finanziamento delle assicurazioni sociali era dato dai contributi generalmente rapportati alla retribuzione; alle somme ricavate dai contributi si aggiungevano i trasferimenti statali. Il diritto alla pensione –sempre secondo il vecchio sistema retributivo – si acquisiva sostanzialmente in base a due elementi: il raggiungimento dell’età pensionabile e il godimento della prevista anzianità retributiva. L’età pensionabile variava a seconda del rapporto di lavoro: nel settore pubblico era di 65 anni per gli uomini e 60 per le donne, in quello privato 60 gli uomini e 55 le donne. La differenziazione per sesso è connessa alla maternità e al ruolo familiare della donna, ma i trattamenti tendono a convergere in relazione alla tutela sociale della maternità e all’aumento della partecipazione femminile alla forza lavoro. L’anzianità contributiva derivava dal rapporto assicurativo che s’instaurava tra il lavoratore e l’apposito ente di previdenza sociale, al quale venivano periodicamente versati determinati importi di denaro in misura proporzionale alla retribuzione percepita dal lavoratore; ciò avveniva continuativamente per tutta la durata del rapporto di lavoro e fino ad un massimo di 40 anni. Dall’anzianità contributiva dipendeva la misura della pensione spettante. La pensione di vecchiaia era corrisposta al raggiungimento dell’età pensionabile; dopo 40 anni di anzianità contributiva fino al 1975 era pari al 74% dell’ultima “retribuzione pensionabile”, nel 1976 divenne l’80%. La pensione di anzianità era prevista – qualunque fosse l’età raggiunta – a favore del lavoratore disoccupato o comunque privo di lavoro ma che poteva far valere 35 anni di contribuzioni effettive. Oltre a questi due tipi di pensioni ne esistevano altri: - pensioni per superstiti: pagate al coniuge o ai figli superstiti di lavoratori deceduti; - pensioni di invalidità: pagate a soggetti che avevano una ridotta capacità lavorativa per motivi civili o di lavoro; - pensioni sociali: pagate a soggetti che avevano raggiunto una certa età, privi di mezzi di sostentamento indipendentemente dal fatto di avere svolto un lavoro.

Anteprima della Tesi di Samuela Russo

Anteprima della tesi: Il terzo pilastro della previdenza: analisi di un decollo mancato, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Samuela Russo Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2721 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.