Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I mass media e il ruolo del gusto nella società moderna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Come si orienta l’individualità Nelle società premoderne, non potendo scegliere come comportarsi in base ai propri lati emotivi, alla propria interiorità, perché l’individualità era più legata a fattori esterni, gli individui si orientavano cercando dei modelli da imitare che quindi permettessero loro di orientarsi nelle scelte del presente. Questi modelli erano rintracciabili tra quelli antichi 3 ma l’imitazione di essi non era solo un pedantesco copiare, non era un “traslitterare” ma comportava anche l’aggiunta, almeno in parte, della propria creatività e originalità. Il significato che va attribuito ad imitazione è quello che Platone aveva dato al termine mimesis 4 ; con esso ci si riferiva a quel tipo di imitazione che crea una corrispondenza tra la realtà delle idee (intelligibile) e le immagini (sensoriali) e che quindi cerca di avvicinarsi il più possibile alla verità. L’arte, infatti, non viene considerata come una forma di imitazione che avvicina alla verità ma come copia di una copia che è la natura. Successivamente l’imitazione venne considerata come spinta che porta al perfezionamento della realtà esterna, come un qualcosa che fosse in grado di perfezionare le imperfezioni della natura. I modelli dovevano essere usati come base di partenza per potere andare oltre alla perfezione che era già stata raggiunta da autori precedenti. Avere molti modelli era l’unico modo per poterli confrontare e per provare a riorganizzarli secondo strutture acquisite. 3 Tarde,Tarde, Les lois de l’imitation, Etude sociologique, Paris, Alcan,1921; trad. it. Le leggi dell’imitazione, Scritti sociologici, Torino, Utet, 1976 4 Platone Repubblica 393 ff, 597. Egli prevede un dualismo tra immagini ed idee, le prime appartengono al mondo sensibile mentre le altre al mondo dell’essere che è solo intelligibile. Le immagini sono l’imitazione delle idee che sono la verità, la realtà perfetta.

Anteprima della Tesi di Corinne Cavenaghi

Anteprima della tesi: I mass media e il ruolo del gusto nella società moderna, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Corinne Cavenaghi Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10365 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.