Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi comunicative e cooperative in un ambiente virtuale condiviso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 1.3. PRESENZA E IMMERSIONE Per definire quindi la realtà virtuale in termini di esperienza umana, abbiamo già detto, bisogna introdurre il concetto di presenza. Nel 1986 J.J. Gibson quando dell’esperienza del proprio ambiente fisico si riferisce a come l’ambiente viene percepito e mediato dai processi mentali. Per presenza quindi si intende “il senso di essere in un ambiente” (Steuer, 1992). Slater et. al. (1995, 1996) definiscono la presenza come uno stato di consapevolezza, come il senso (psicologico) di essere in un ambiente virtuale (virtual environment). Sempre Slater e colleghi (1996) classificano la presenza in presenza personale (personal presence) e co-presenza (co-presence). La presenza personale è collegata al senso soggettivo di noi stessi di essere lì, in un ambiente virtuale; la co-presenza, invece, è spiegata come il senso che altri partecipanti siano presenti con noi in un ambiente virtuale. La co-presenza viene chiamata da questi autori anche come presenza condivisa o shared presence (Casanueva, 1999). Biocca (1997), invece, parla di un continuum, quello del tempo, per definire la presenza. Egli considera che il livello di presenza provato dipenda dal tempo che il soggetto è presente all’interno dell’ambiente virtuale. Altri autori, come Zahoric e Jenison (1998), utilizzano il concetto di azione per definire la presenza. Dichiarano, infatti, che il grado di presenza, che un ambiente virtuale può fornire, è relato alla possibilità di agire all’interno di tale mondo; maggiore è la possibilità di azione, maggiore sarà il grado di presenza. Mantovani e Riva (1999) propongono un approccio culturale del concetto di presenza. Secondo questi autori si prova presenza in un ambiente sia esso reale o virtuale quando gli individui possono percepire se stessi, gli oggetti e le altre persone non solo come situate in uno spazio esterno ma anche come immerse in

Anteprima della Tesi di Laura Bua

Anteprima della tesi: Analisi comunicative e cooperative in un ambiente virtuale condiviso, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Laura Bua Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1614 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.