Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi comunicative e cooperative in un ambiente virtuale condiviso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 1.2. LA DEFINIZIONE DI ‘REALTÀ VIRTUALE’ La Realtà Virtuale (Rv o Virtual Reality,VR) è una tecnologia recente che prevede l’uso di computer potenti e sofisticati che consentono un’interazione a più livelli tra il soggetto agente e l’ambiente simulato. Prima di parlare di Realtà Virtuale in termini di applicazioni e dispositivi hardware e software o di presenza e immersione bisogna specificarne il significato intrinseco racchiuso nelle parole che usiamo per definirla. Levy in Cybercultura (1997) si sofferma su questo concetto. Secondo l’autore la parola virtuale può essere intesa in diversi sensi: in senso filosofico, in senso corrente e in senso puramente tecnico. Secondo la filosofia, nell’espressione Realtà Virtuale esiste un’ambivalenza iniziale proprio nel significato stesso delle parole. Da una parte, il ‘virtuale’ è qualcosa di ‘potenziale’, che è possibile ma non esiste ancora, dall’altra il ‘reale’, invece, è ciò che è già in atto, che è oggettivo e si basa su un fatto compiuto. Il virtuale, in senso filosofico, è una dimensione della realtà, non il suo opposto. Secondo lo studioso, infatti, l’opposto di virtuale è attuale non reale (Levy, 1997). Secondo l’autore nell’uso corrente la parola ‘virtuale’ viene spesso associata al significato di irreale dando così l’impressione di trovarci davanti ad un vero gioco di parole in quanto una cosa può essere o reale o irreale (virtuale), non può avere entrambe queste qualità. In questo caso l’abbinamento di ‘reale’ e ‘virtuale’ sembrerebbe inammissibile per il fatto che le due parole hanno significati diametralmente opposti. In senso tecnico la realtà virtuale è sempre stata considerata come un mezzo ed è sempre stata studiata sotto il profilo puramente tecnologico (ibidem). Questo fenomeno si riduce, quindi, semplicemente al possesso di sofisticati macchinari. Le definizioni ‘tecnologiche’ più diffuse fanno sempre riferimento ad un computer capace di una simulazione grafica tridimensionale in tempo

Anteprima della Tesi di Laura Bua

Anteprima della tesi: Analisi comunicative e cooperative in un ambiente virtuale condiviso, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Laura Bua Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1614 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.