Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prospettive di sviluppo nel mobile commerce

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 di questa innovativa forma di commercio non può altro che contenere in sé le caratteristiche di maggior comodità e utilità, per le imprese, invece, rappresenta un’opportunità che non si possono lasciar scappare. Il Mobile Business è già oggi una realtà di fatto che riguarda sia il B2C (business to consumer), sia il B2B (business to business), sia il B2E (business to employess), anche se in misura diversa e fatte le dovute differenziazioni. Le applicazioni più promettenti, per il futuro, riguardano solo marginalmente l’utenza consumer: si assisterà, in quest’ambito, a meno business innovation di quanto registrato nei precedenti anni, mentre andrà consolidandosi, parallelamente alla crescita del numero di utenti connessi al Mobile Internet, l’uso di applicazioni già note, quali E-mail (già utilizzata dal 69% degli utenti), ricerche (32%), giochi (26%) e News (25%). Dal punto di vista dell’utenza business, invece, la richiesta di servizi su rete mobile è articolata come segue: al primo posto, analogamente a quanto rilevato per l’utenza consumer, i servizi Fax, E-mail, SMS, seguiti da “accesso a database aziendali”, “accesso ad applicazioni aziendali”, “gestione ordini”, “scambio dati tra personale mobile”. (www.portel.it, Rapporto SDA Bocconi – Smau, 16 Giugno 2002) E’ proprio in quest’ambito, B2B e B2E, che vedremo nascere le applicazioni più interessanti ed innovative. Da quanto traspare da detto Rapporto, inoltre, gli utenti Wireless Internet nel 2004 ammonteranno, a livello mondiale, a 161 milioni secondo Merrill Lynch, a 40 milioni per IDC e solamente a 17 milioni secondo The Strategis Group. Incertezza che, inevitabilmente, ricadrà sulle strategie di chi fornirà i servizi. In termini economici, il Boston Consulting Group prevede che il giro d’affari del settore supererà, sempre a livello mondiale, i 100 miliardi di Euro (oltre 200 mila miliardi di vecchie lire) nel 2003, per sfiorare, in Italia, i quattro miliardi di Euro (poco meno di otto mila miliardi di vecchie lire). (www.labitalia.com, 4 Dicembre 2001)

Anteprima della Tesi di Andrea Cenci

Anteprima della tesi: Prospettive di sviluppo nel mobile commerce, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Cenci Contatta »

Composta da 230 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2026 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.